Giovedì, 16 Settembre 2021
Sport Rizzi / Viale dell'Emigrazione

L'Apu Oww alla seconda vittoria di fila vede la luce, le pagelle

Il successo sull'Orlandina aiuta a mettere alle spalle la crisi. Foulland il migliore in campo

Giuri a canestro (Foto Lodolo)

La piccola luce in fondo al tunnel apparsa con la vittoria di misura a Treviglio potrebbe essere l’uscita per riveder le stelle. Per esserne del tutto certi sarà opportuno tuttavia attendere ancora qualche partita, diciamo almeno le prossime tre con Piacenza, Casale e soprattutto Verona. Il successo di questo pomeriggio sull’Orlandina concede all’Apu maggior serenità ed autostima ma è necessario dare continuità ai segnali positivi prima di poter affermare che la grande crisi è alle spalle. Capo d’Orlando come Treviglio (e come Piacenza che vedremo in settimana) è squadra votata ad un basket corri e tira senza troppi orpelli tattici. Con il ritmo cerca di nascondere i propri limiti (roster giovane e poco profondo) e se ha finora il miglior attacco del girone con 85 punti di media a partita è anche vero che subisce anche parecchio nella propria metà campo. Per Udine quindi un avversario qualitativamente inferiore ma da prendere con le molle come insegna questo strano campionato. Per venirne a capo ci sono voluti circa due quarti con il primo break in prossimità dell’intervallo lungo grazie -finalmente- ad alcune rapide transizioni (fine primo tempo 43-34). Ad inizio ripresa arriva la spallata decisiva con una serie di canestri dei bianconeri contro una approssimativa zona 3-2 dei siciliani che in attacco fanno un sacco di confusione in particolare con il mini-bomber Floyd in serata negativa (67-50 fine terzo quarto). Nell’ultima frazione con un punteggio che sembrava acquisito rimane da segnalare un tentativo di rientro dell’Orlandina fino al -9 a circa metà tempo e poi al -7 a tre minuti dalla fine. Udine stavolta non si fa sorprendere e con Antonutti, Nana e un reattivo Pellegrino respinge l’estremo assalto degli ospiti e la gara può chiudersi con relativa tranquillità sull’86-80. Al di là del risultato annotiamo oggi tra le cose positive un buon atteggiamento difensivo (parlare di miglior difesa ci sembra prematuro) e in generale la importante tendenza a palleggiare di meno (specie con Mussini e DJ) e passare di più la palla. In tal modo si è potuto ribaltare il fronte di gioco più velocemente per trovare un compagno libero per il tiro o per lo scarico sotto canestro ai lunghi. Insomma se son rose fioriranno, la prima verifica già questo mercoledì contro la sorprendente Piacenza, partita per salvarsi e ora nei piani alti della classifica.

Pagelle

APU OWW

D.Johnson 6,5. Buon inizio poi si defila un po’. Non precisissimo al tiro (5/13 con 3/9 da tre) ma non è la cosa più importante, la squadra gli chiede coinvolgimento e leadership che in buona parte arrivano.
Mussini 5,5. Segna a punteggio acquisito, nel primo tempo tabellino in bianco con 0/5. Guarda caso proprio quando DJ mette 15 dei suoi 20 punti totali.
Giuri 6,5. Decisamente più sicuro rispetto alle ultime apparizioni. Non è un vero play ma è necessario che torni ad essere un punto di riferimento. 4/6 al tiro con 7 assist.
N.Foulland 7. Il migliore. Domina sotto i tabelloni grazie alla stazza inarrivabile per gli ospiti. Qualche bel canestro in avvicinamento ma in partite così dovrebbe essere cercato di più dai compagni. 4/7 con 12 rimbalzi.
Antonutti 6. Alcune belle giocate offensive nella seconda metà della gara ma è quasi sempre in difficoltà in difesa.
Deangeli 6. Da giocatore del quintetto a utile gregario, questo è finora il suo percorso. Lui comunque si sbatte con profitto nei soli 6 minuti in cui sta in campo (causa anche i falli).
Mobio 6. Proseguono le prestazioni altalenanti. Contro la sua ex squadra siamo nella fase meno positiva anche se non mancano energia e impegno. 2/5 dal campo in 11 minuti.
Pellegrino 6,5. Insieme a Nana compone una coppia che l’Orlandina non può contrastare fisicamente. 12 minuti di qualità per un giocatore che bisogna assolutamente tenere in fiducia.
Italiano 5. E’ uno specialista difensivo prezioso se non esagera in iniziative fuori contesto. Stasera troppi falli (e troppe proteste con gli arbitri) infatti gioca solo 7 minuti.
Schina 7. Come a Treviglio entra e dimostra di saper stare in campo. Dà subito un contributo concreto in punti e difesa, in 14 minuti 2/4 al tiro e 2/2 dalla lunetta.

All. M.Boniciolli 6,5. A prescindere dalle consuete rotazioni spinte, ci pare di aver colto la volontà di tornare agli antichi equilibri di squadra con gli uomini più esperti al comando, Mussini meno go-to-guy  e il giusto spazio a Schina viste anche le assenze.


ORLANDINA BASKET

M.Laganà 6,5, X.Johnson 6,5, J.Floyd 5, Fall 6, Bellan 5,5, Taflaj 5, Moretti 5,5, Gay 6

All. M.Sodini 6
 

Tabellino

APU OLD WILD WEST UDINE – ORLANDINA BASKET 86-80 (20-16, 43-34, 67-50)

APU OLD WILD WEST UDINE: Johnson D. 20 punti, Mussini 13, Deangeli 5, Spangaro, Schina 7, Antonutti 11, Mobio 4, Agbara ne, Foulland 10, Giuri 9, Pellegrino 6, Italiano 1. All. Matteo Boniciolli.

ORLANDINA BASKET: Taflaj 6 punti, Gay 9, Floyd 13, Laganà 14, Johnson X. 23, Del Debbio, Triassi ne, Bellan 3, Fall 12, Moretti. All. Marco Sodini.

Arbitri: Ursi, Gonella, Marziali.

Usciti per cinque falli: Moretti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Apu Oww alla seconda vittoria di fila vede la luce, le pagelle

UdineToday è in caricamento