rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Sport

La Gsa batte Mantova e si avvicina alla vetta: le pagelle

Si accorcia la classifica del girone est di serie A2 grazie alle sconfitte di Trieste a Forlì e Bologna a Jesi

Ci sono sempre varie interpretazioni di una partita di pallacanestro ma quella più semplice è (quasi) sempre la più vicina alla realtà. Se ti prendi molti meno tiri dell’avversario e segni anche con percentuale inferiore, è matematico che perdi. Mantova ha tirato solo 52 volte contro le 74 della Gsa ( grazie a ben 17 rimbalzi offensivi) e ha fatto in tutta la gara la miseria di 19 canestri. E’ sempre opportuno ricordare che in questo gioco per prima cosa bisogna buttarla dentro, poi vengono le filosofie e tutto  il resto.

E dire che il match era iniziato 5-0 per gli ospiti con il primo -e unico- canestro di Bobby Jones. Poi, un po’ alla volta, senza fare nulla di stratosferico, gli udinesi hanno preso l’inerzia del confronto e praticamente non l’hanno più mollata. 12-10 a fine della prima frazione, una specie di gara di ciapanò,  35-30 a metà gara e 54-47 alla sirena del terzo quarto che registrava il solo tentativo di avvicinamento, subito rintuzzato, sul 46-45.  Per la Gsa  arrivo sul traguardo a braccia alzate con la mamma che, avvisata, poteva buttare la pasta in anticipo.

Udine veniva da una doppia sconfitta e aveva tutte le motivazioni del mondo per riprendere la sua corsa. Ha fatto una gara positiva per intensità e determinazione, ha ruotato il suo patrimonio di 9 giocatori (escluso Ferrari non entrato e Pinton assente) e tutti hanno portato il loro mattoncino, in particolare Dykes e Diop, anche se alla fine ha fatto 70 punti in casa, non proprio sfracelli. E’ certo che per raggiungere il terzo/quarto posto, cioè una intrigante base di partenza per i play-off, sarà necessario alzare l’asticella del rendimento rispetto alle ultime gare, iniziando dal prossimo confronto diretto con Ravenna. I margini di miglioramento comunque sembrano esserci tutti. In settimana si è sentito parlare di un nuovo arrivo, riteniamo che a questa squadra, se proprio si vuol fare una ulteriore addizione, manchi  un play che sappia gestire tempi e ritmi di gioco, non altro (fermo l’ovvio concetto che tutto è migliorabile). Intanto la notizia è che, oltre a Ravenna , hanno perso sia Trieste a Forlì che la Fortitudo, nettamente, a Jesi. In questo clima di ribaltamento dei valori fin qui riconosciuti, si apre ufficialmente la bagarre per le migliori posizioni in vista della post-season.

Le pagelle

GSA UDINE

MORTELLARO: voto 6. Gregariato di qualità, si batte come al solito e si fa trovare pronto sugli scarichi dei compagni   
DYKES: voto 7. Con 21 punti senza liberi (e con triplone finale sulla sirena) è di gran lunga il miglior realizzatore, seppur con medie non eccezionali. Soprattutto regala 8 assist 
VEIDEMAN:  voto 6. Ancora in versione non ottimale dopo i recenti forfait  timbra comunque il cartellino, 9 punti e 3 assist
RASPINO: voto 6 e ½. Partita gagliarda pur con qualche errore, è lo stopper della squadra,  10 punti
BENEVELLI: voto 6. Solo 1 su 7 al tiro ma anche 7 rimbalzi e tanta esperienza quando serve
PELLEGRINO:  voto 6. Troppo spesso vuole strafare, mette un paio di splendidi uncini vintage poi intimidisce quanto basta, 6 punti e 6 rimbalzi
LATORRE: voto 5 e ½. Breve apparizione per un giocatore che deve ancora trovare il suo ruolo 
DIOP: voto 7. In 15 minuti (causa anche i falli) produce 8 punti e 6 rimbalzi oltre a una fisicità che fa paura
FERRARI: n.e.
NOBILE: voto 6. Entra in quintetto e gioca 26 rassicuranti minuti, la prestazione di Bologna gli ha dato autostima 
ALL. LARDO: voto 6. Dà giustamente fiducia a Nobile, poi ruota con saggezza i suoi giocatori. Se polemizzasse un po’ meno con gli arbitri …
 
DINAMICA MANTOVA

VENCATO: voto 5 e ½. Guardia mancina che gioca in regia senza interpretare il gioco, rivedibile 
B. JONES: voto 5. Ala/pivot che gioca da una decina d’anni in Italia con alterne fortune. Visto stasera sembra bollito 
BROWNRIDGE:  voto 6 e ½. Ala piccola data in partenza . Lui intanto fa una buona gara pur giocando soltanto 20 minuti, 11 punti 
MORASCHINI: voto 6. Sta sempre in campo e gioca un’infinità di palloni tra buone cose ed errori puerili, 15 punti con 6/16 al tiro 
CANDUSSI: voto 6 e ½. Giovane lungo nato a Palmanova, forte fisicamente e in grande miglioramento, tira anche da 3, 14 punti con 9/9 ai liberi. Il prossimo anno giocherà probabilmente al piano di sopra  
TIMPERI: voto 5 e ½. Sette minuti senza lasciare il segno
MEI: voto 6. Play di riserva, quando sta in campo gioca anche meglio del titolare Vencato  
CUCCI: voto 6. Sostituto dei lunghi, senza talento ma sempre utile. Dalipagic li chiamava “impegnatori”.
 
ALL. LAMMA : voto 6. Allenatore esordiente dopo una lunga carriera da giocatore, si dispera della prova in attacco dei suoi ma dimostra inesperienza nella gestione di Brownridge    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Gsa batte Mantova e si avvicina alla vetta: le pagelle

UdineToday è in caricamento