rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Sport

L'Apu Gsa cede alla Fortitudo, ma ne vedremo delle belle: le pagelle del match

Tra i bianconeri bene Veideman e Diop, per la Effe Cinciarini e Legion sugli scudi

Per l’atteso esordio al Carnera i giocatori della Fortitudo si presentano a ranghi incompleti, ma con le scarpette ben allacciate e superano la Gsa per 76 a 71 in una partita ruvida e dal punteggio basso, conducendo con discreta autorevolezza fin dall’inizio. In un paio di occasioni c’è stato un avvicinamento che avrebbe potuto riaprire la gara, ma i bolognesi  hanno dimostrato maggior durezza mentale e a 4 minuti dalla fine, su un contropiede solitario di Cinciarini sul 67-54, la partita si è virtualmente chiusa.

Manca ancora qualcosa

In una gara particolare - come è sempre la prima di campionato -  contano i dettagli e agli udinesi manca ancora qualcosa. La difesa è abbastanza aggressiva, ma la squadra non riesce a ribaltare il campo in velocità e si trova quasi sempre a giocare contro una difesa schierata che spinge e mette le mani addosso. In queste condizioni solo il talento offensivo di Veidman consente di trovare il canestro con continuità,  gli altri giocatori allo stato attuale fanno molta fatica. Compreso Dykes, che è un attaccante che dà il meglio di sé a campo aperto. Il 15% da oltre la linea (3 su 20) chiude definitivamente il cerchio.    

Ne vedremo delle belle 

Ovviamente attendiamo con fiducia miglioramenti sia a livello individuale che di squadra, Lardo è allenatore esperto e sa certamente come e dove lavorare. Inoltre, particolare importante, non tutte le avversarie avranno la caratura e l’esperienza di questa Fortitudo e già la prossima trasferta di Mantova  si presenta come  partita complicata ma non impossibile. Se la difesa molto fisica della squadra di Boniciolli ha tolto l’ossigeno agli avversari, in attacco i bolognesi non hanno inventato nulla e, con un gioco decisamente esterno,  si sono appoggiati ai giocatori di maggior qualità offensiva, i due stranieri e Cinciarini in particolare. I lunghi hanno fatto lavoro sporco rubacchiando qualche canestro nel pitturato. L’intelaiatura della Fortitudo  - considerate anche le assenze - è di primissimo livello per la categoria e l’obiettivo dichiarato è la lotta per la promozione. Per tutti comunque è solo la prima tappa di un lungo viaggio e ne vedremo  delle belle.   

Le pagelle

Gsa Apu Udine

MORTELLARO 6 Entra per Pellegrino e si sbatte sotto canestro con alterne fortune. 1 su 5 al tiro e 6 rimbalzi
DYKES 6,5 Per noi più incursore che tiratore, in velocità e con la mancina è incontenibile. Anche due super stoppate. Sa pure mettersi in proprio ma è un giocatore che ha bisogno della squadra.  
VEIDEMAN 7 Dopo un 1° quarto da 0 punti, attacca la partita e ne fa 15 nel 2°. Sono 26 alla fine con il 55% dal campo e alcuni canestri da mago Houdini.  Ha fatto la sua parte ma la storia dice che per vincere è necessaria una maggior distribuzione dei punti
RASPINO 6,5 Solo 5 tiri ma difende alla grande contro avversari forti e fa cose utili alla squadra. Ci è piaciuto ma attendiamo qualcosa di più in attacco. 
BENEVELLI 5 Sembra fuori condizione fisica, alcuni tiri sbagliati in modo imbarazzante. E’ uno specialista, non può essere lui 
PELLEGRINO 5,5 Parte con due splendidi uncini di sinistro poi si innervosisce per uno scontro di gioco ed esce dalla partita per due quarti. Recupera verso la fine ma a punteggio compromesso. La squadra ha bisogno di maggior continuità dal centro titolare.
PINTON 5 Solita intensità in difesa ma lo 0 su 7 per un tiratore come lui pesano in negativo. 
DIOP 6,5 Gioca senza timore, picchia il giusto e cattura 8 rimbalzi, di cui ben 4 offensivi. E’ già più che una promessa ma talvolta dovrebbe attaccare di più il canestro  
FERRARI 6 Esce dalla panchina per difendere contro lunghi ed esterni e tiene sempre botta  
NOBILE N.E.
ALL. LARDO 6,5 Sa bene che contro una Fortitudo devi fare una grande partita per vincere, ma la squadra non è ancora pronta. Tatticamente fa le cose giuste ma non basta. Lasciamolo lavorare in tranquillità.   
 

Fortitudo Bologna

MANCINELLI 6 Grande ex-giocatore, ormai gioca prevalentemente d’esperienza. Sempre utile,  in attacco passa divinamente la palla (7 assist) LEGION 7 Tiratore bello a vedersi  ma a nostro parere senza pathos. Oggi però i tiri importanti li ha messi ( 4 su 5 da tre) ed è stato decisivo per  sbancare il Carnera.  
MCCAMEY 7 Play tosto fisicamente e concreto. Inizia alla grande poi cala alla distanza ma rimane fondamentale per condurre la sua squadra alla vittoria.   
CINCIARINI 7,5 Per noi l’hombre del partido. Segna punti importanti che danno fiducia ai compagni e difende pure, nonostante i 35 anni. Pochi hanno in categoria un giocatore italiano con questa esperienza e  senso del canestro.
MONTANARI 6,5 Entra in sostituzione di play e guardia, difendendo duro e non facendo errori. Gregario prezioso. 
PINI 6,5 Legna, cioè il suo lavoro. Difesa, blocchi, rimbalzi e in più un paio di buoni canestri.   
ITALIANO 5 Giocatore che normalmente si esalta nell’agonismo e nella difesa. Oggi non era la sua giornata e ha fatto più danni che altro.
CHILLO 6,5 Vedi Pini.
S.BRYAN 6 Recente addizione per sostituire l’infortunato Gandini. Si guadagna onestamente la pagnotta nei pochi minuti in cui sta in campo.  
ALL. BONICIOLLI 7 Ribalta completamente la squadra dall’anno scorso per puntare alla promozione. Dai giovani emergenti ai giocatori di esperienza, dal pivot straniero al gioco perimetrale con i lunghi a dare fisicità. Vince a Udine e per lui è probabilmente motivo di particolare soddisfazione. Ma sa bene che i veri esami verranno più avanti. 

ARBITRI Masi, Gagno e Perocco 6,5 In nuove magliette color aranciata, conducono la gara senza particolari sussulti. Anche la nuova regola dei passi in partenza passa inosservata.

   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Apu Gsa cede alla Fortitudo, ma ne vedremo delle belle: le pagelle del match

UdineToday è in caricamento