menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verso l'Hellas, Stramaccioni: «È una Udinese che può osare di più»

Stramaccioni: "Voglio rivedere lo spirito visto contro le milanesi. Dietro siamo corti, ma ho chiesto ai ragazzi il 200% di motivazioni"

Alla vigilia della sfida di campionato contro l'Hellas Verona, il tecnico dell'Udinese Andrea Stramaccioni ha risposto alle domande dei cronisti intervenuti in sala stampa. Ecco le sue parole.

Contento della standing ovation di martedì sera?

"Come ho detto anche martedì  dopo la partita, contento al 100% non posso esserlo perché  non abbiamo fatto punti, ma vista la piega presa i ragazzi hanno dimostrato quello che in ottica futura deve essere una base importante. Lottando su ogni pallone, sospinti dal nostro pubblico. Ci siamo chiesti quanto sarebbe stato bello averli tutti intorno e non solo alle nostre spalle; probabilmente, per fare una battuta, la palla di Perica l'avrebbero spinta dentro. Non vediamo l'ora di rivivere queste emozioni nel nuovo stadio".

HELLAS VERONA-UDINESE: LE PROBABILI FORMAZIONI

E' scattata una molla per essere fiduciosi?

"Abbiamo sbagliato una partita e mezzo nelle ultime quattro. Adesso arriva Verona e dobbiamo fare attenzione, perché in questa stagione abbiamo sempre sofferto la terza partita in una settimana. Difficilmente potremo interpretare la gara come contro le milanesi, con l'aggressione a tutto campo per novanta minuti perché sarebbe fisicamente insostenibile. Per noi sarà un test importante, perché loro in casa sono molto compatti e hanno un Luca Toni in condizioni strepitose. Lo spirito sarà lo stesso comunque".

Cosa chiedi alla squadra per reagire all'emergenza?

"L'emergenza è aggravata dalla squalifica di Domizzi e dal fatto che Heurtaux, pur essendo convocato, non può  essere disponibile dal primo minuto. Giochiamo contro un attaccante pericolosissimo e la difesa sarà chiamata agli straordinari. Abbiamo dimostrato di poter aiutarci bene e giocare di squadra e questo proveremo a fare anche contro il Verona".

Obiettivo superare la quota punti dell'anno scorso?

"In questo momento vorrei che la squadra ragionasse partita per partita e che si concentrasse sulle prestazioni. All'andata non è stata una bella partita, perché abbiamo trovato difficoltà a creare occasioni da gol. Mi aspetto anche domani una gara difficile, anche se cercheremo di impedirgli di metterla sui loro binari".

Si va avanti con le due punte? Totò come sta? Che modulo ti aspetti da Mandorlini?

"Non so cosa farà Mandorlini. Hanno giocato nelle ultime 10, 9 volte con la difesa a 4 e una volta a 5. E' una squadra con una linea difensiva molto bassa che sfrutta le qualità fisiche dei propri difensori. Dobbiamo essere bravi a sfruttare gli spazi che riusciremo a crearci. Cercherò di gestire Totò, parlando con lui e valutando le sue condizioni, ma sta bene. Lui è comunque utile sia dal primo minuto che a gara in corso. Sulle due punte la mia idea resta quella di provare a dimostrare di poter sostenerle. E' una Udinese che può osare di più, a patto di essere sempre equilibrati. Con due punte siamo più pericolosi, ma dobbiamo pedalare di più, attaccanti compresi".

Pensi di riproporre il 4-3-1-2?

"Considero le partite fatte come un processo di lavoro. Abbiamo cercato un'identità, l'abbiamo trovata e in questo momento abbiamo un equilibrio in questo senso. Sarà il campo che ci dirà se possiamo farlo con un'emergenza in difesa".

Ha scusato in parte Badu. Come si è comportato con lui in settimana?

"Non sono molto per le pubbliche esecuzioni, ma per i colloqui individuali. Vi assicuro che lui ha capito. Abbiamo parlato in maniera costruttiva; ho applicato un regolamento interno nostro, come capitato con Kone dopo Empoli. E' comunque una punizione che costruisce e che assolutamente non annichilisce. Credo in questo modo di relazionarsi con i giocatori. Ha sbagliato per un'eccessiva verve agonistica in una partita strana dal punto di vista arbitrale. Ma adesso mettiamo un punto; Emmanuel ha capito che non deve farlo più".

Impossibile vedere Piris al centro?

"Non mi piace parlare di formazione, ma l'accoppiamento Piris-Toni effettivamente non sarebbe l'ideale e sarebbe da ritiro del patentino di allenatore. Al di là della battuta, non è scortesia, ma non mi piace dare anticipazioni della formazione".

Come sta Geijo?

"All'intervallo di Udinese-Milan ha accusato un problema alla pianta del piede. Ha recuperato ma ancora non è in perfette condizioni. Domani farà un ultimo test e ci riserveremo di valutare".

Ha avuto delle difficoltà ad allenare tanti stranieri?

"Parlando bene l'inglese e un pochino lo spagnolo, da un punto di vista comunicativo sono riuscito a interagire con tutti. Nel calcio moderno conoscere le lingue è fondamentale. Farsi tradurre è possibile, ma è sempre meglio la comunicazione diretta, per questo mi ritengo fortunato sotto questo punto di vista. Per gli slavi (ride n.d.r.) mi avvalgo di Stankovic".

(udinese.it)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento