rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Sport

Il derby dice Trieste, la Gsa battuta per 78 a 71

Udine parte bene, poi chiude a meno 11 il primo quarto e non recupera più. Tanto nervosismo e palle giocate male in entrambe le parti, ma l'Alma ha dimostrato maggiore solidità. Allan Ray top scorer

L’inerzia la decide il primo quarto, dal 10 pari i poi, con Udine sotto di 11 alla fine. Saranno quelli che - tra diversi tira e molla - Trieste conserverà fino a quando si deciderà che la partita sarebbe stata dell’Alma. Se qualcuno ha avuto il merito di tenere Udine a galla, quando la palla pesava troppo nelle mani di tutti quanti, è stato Gino Cuccarolo. L’uomo più alto d’Italia ha sgomitato e sudato come nessun suo compagno di squadra ha fatto quando serviva davvero.

Più tardi, dal terzo quarto, si è svegliato Allan Ray, il migliore secondo le statistiche, ma incapace di dare corpo alle aspettative quando serviva la sterzata. Non pervenuto tra i fattori positivi Stan Okoye, protagonista di una palla persa sanguinosa sul meno 9 nel terzo periodo. Difficile dire che senza quell’errore sarebbe andata diversamente, ma invece di un possibile possesso per avvicinamento sembra essere stata la mazzata finale. 

Alma Trieste: Pecile 7, Green 16, Cittadini 8, Coronica 0, Da Ros 12, Parks 8, Ferraro 0, Gobbato Ne, Simioni Ne, Prandin 15, Bossi 6, Baldasso 6.

Apu Gsa: Traini 3, Nobile 0, Vanuzzo 2, Okoye 13, Pinton 1, Cuccarolo 8, Ferrari 0, Castelli 8, Ray 35, Diop Ne, Gatto Ne.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il derby dice Trieste, la Gsa battuta per 78 a 71

UdineToday è in caricamento