rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Sport Lignano Sabbiadoro

L'Italia vince a Lignano per il secondo anno consecutivo

Lignano, 9 aprile 2017. Si è conclusa la 35esima edizione del Trofeo Tarcento, svoltasi per il settimo anno all'interno del circuito europeo delle Junior European Judo Cup

Alla fine delle  due giornate di gara l'Italia si è posizionata, per il secondo anno consecutivo, prima nel medagliere con 8 medaglie di cui 4 ori, 1 argento e 3 bronzi, seguita dalla Germania e dalla Serbia.  E' stata quest'ultima ad aggiudicarsi il Trofeo Tarcento, essendo arrivata prima nel medagliere maschile, mentre l'Italia ha vinto il medagliere della categoria femminile, aggiudicandosi la Coppa Unione Europea. La coppa Amicizia è stata invece assegnata al Kosovo; alla società D.L.F. Yama Arashi di Udine è stata infine attribuita la Coppa Costantini. I nostri primi due ori sono arrivati nella prima giornata grazie alla splendida vittoria per il terzo anno consecutivo di Manuel Lombardo nella categoria -66kg e a quella di Anita Cantini nella categoria -57 kg. Nella giornata di domenica è arrivata poi la riconferma di Nadia Simeoli nella categoria -63 kg e l'oro di Alice Bellandi, che ha sconfitto la connazionale Chiara Lisoni nella finale della -70kg femminile.

Gli atleti azzurri, che sul tatami lignanese erano 136, si sono confrontati con atleti provenienti da 29 altre nazioni, europee ed extraeurope che hanno dimostrato un judo di altissima qualità.
La gara si è svolta senza intoppi, rispettando i tempi previsti e la qualità richiesta per un evento di tale portata, in un clima di sana competizione. Fondamentale per la riuscita della manifestazione  è stato il contributo di circa 100 volontari che da ormai molti anni si rendono disponibili con grande professionalità e capacità organizzativa al fine di mantenere alta la qualità dell'evento. 
Vengono riportati qui di seguito i risultati delle due giornate di gara:

CLASSIFICA FEMMINILE:

Kg. 44: 1° Petite Lois (Belgio), 2° Quilghini Charlene (Francia), 3° Chiss Mihaela (Romania), Montanez Peirot Carla (Spagna); 
kg. 48: 1° Martinez Abelenda Laura (Spagna), 2° Urdiales Manon (Francia), 3° Lapuerta Comas Mireia (Spagna), Seferi Blerina (Germania); 
kg. 52: 1° Szekely Patrycia (Germania), 2° Brochot Noemie (Francia), 3° Ryheul Amber (Belgio), Scisciola Martina (Italia); 
kg. 57: 1° Cantini Anita (Italia), 2° Theodora Kis Asimina (Austria), 3° Kajzr Kaja (Slovenia), Loxha Flaka (Kosovo).
Kg. 63: 1° Simeoli Nadia (Italia), 2° Leski Andreja (Slovenia), 3° Obradovich Anja (Serbia), Pohl Dena (Germania)
Kg. 70: 1° Bellandi Alice (Italia), 2° Lisoni Chiara (Italia), 3° Devitry Agathe (Francia), Kuka Loriana (Kosovo)
Kg.  -78: 1° Zenker Teresa (Germania), 2° Schmid Lea (Germania), 3° Peric Arijana (Germania), Toth Fanni (Ungheria)
kg. +78: 1° Bauernfeind Ina (Germania), 2° Lucht Renee (Germania), 3° Bouizgarne Samira (Germania), Szigetvari  Mercedesz (Ungheria)

CLASSIFICA MASCHILE:

Kg. 55: 1° Monori Daniel (Ungheria), 2° Ozisik Oguzhan (Turchia), 3° Luncan Vlad (Romania), Yildirim Buhari (Turchia);
 kg. 60: 1° Golomb Tomer (Israele), 2° Bors Dumitrescu Lucian (Romania), 3° Carlino Andrea (Italia), Kumtas Samet (Turchia); 
kg. 66: 1° Lombardo Manuel (Italia), Donmez Cengizhan (Turchia), 3° Boros Bence (Ungheria), Zehir Ugurcan (Turchia); 
kg. 73: 1° Hojak Martin (Slovenia), 2°Ciloglu Bilal (Turchia), 3° Bodea Razvan (Romania), 3° Matt Naim (Svizzera)
Kg. 81: 1° Casse Matthias (Belgio), 2° Duran German (Estonia), 3° Parlati Christian (Italia), Rechister Dilan (Israele)
Kg. 90: 1° Ozimek Jakub (Polonia), 2° Blahusiak Miroslav (Slovacchia), 3° Genc Ilhami (Turchia), Heitz Luc (Svizzera)
Kg. -100: 1° Mandic MIlos (Serbia), 2° Majowski Dominik (Polonia), 3° Fizel Marius (Slovacchia), Imala Otto (Svizzera)
Kg. +100: 1° Krsmanovic Aleksandar (Serbia), 2° Zaleczny Krzysztof (Polonia), 3° Kostic Vladimir (Serbia), Marinic Enej (Slovenia)


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Italia vince a Lignano per il secondo anno consecutivo

UdineToday è in caricamento