Lo sport dei boschi, Paluzza capitale dell'Orienteering

E' stato siglato in provincia di Udine l'accordo tra FISO e PEFC per la promozione dello sport che ha come campo da gioco le foreste.

©Maksim Kovalenko

È uno degli sport dove si è in assoluto più a contatto con la natura, diciamo che le foreste sono per l’ “orienteering” quello che il pallone è per il calcio, ovvero fondamentale. In vista delle prossime Universiadi, gli eventi sportivi nei boschi organizzati dalla F.I.S.O. –Federazione Italiana Sport Orientamento” diventano eco-sostenibili. È stato firmata a Paluzza l’intesa per la diffusione di questa disciplina sportiva con PEFC affinchè non venga tralasciata la gestione forestale sostenibile.

Questa nuova sinergia permetterà una gestione accurata dei campi da gioco, quindi delle foreste. L’ Orienteering, disciplina nata oltre un secolo fa in Scandinavia è giustamente definito lo “sport dei boschi”: gli atleti effettuano un percorso predefinito, con vari check-point chiamati “lanterne”. Per completare il percorso non si ha altro che una bussola e una cartina topografica che contiene particolari del luogo da percorrere. Insomma uno sport avventuroso che coniuga alla perfezione, divertimento, prestanza fisica e contatto con la natura.

Da questo accordo siglato emergono molti  vantaggi per ambo le associazioni. In primis si è avviata una collaborazione per promuovere l’orienteering come sport istruttivo che permetta la conoscenza dei luoghi e  la difesa degli ambienti naturali, e nel contempo durante le iniziative sportive sarà dato spazio alla promozione della gestione delle foreste. Inoltre l'accordo aumenta anche la coesione con i vari luoghi in cui si svolgeranno le competizioni, in quanto verranno utilizzati solo prodotti di provenienza locale.

La scelta di Paluzza per siglare l’accordo è stata dovuta al fatto di ospitare il Centro Federale dalla FISO, oltre ad essere la Regione Friuli Venezia Giulia tra i soci fondatori del PEFC Italia, connubio attraverso il quale sono stati certificati oltre 81000 ettari di foreste in Friuli.

In occasione della firma dell’accordo c’è stata anche l’inaugurazione di un impianto di orienteering all’interno della foresta di Pramosio, rendendo Paluzza al vertice nazionale di sostenibilità ambientale e sportivo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
UdineToday è in caricamento