Udine è la provincia friulana dove l'acqua costa meno

La spesa familiare per l'acqua è di 178 euro, mentre la media regionale è di 246 euro. A Trieste e Gorizia il record di acqua persa che è addirittura il 56% di quella emessa nella rete idrica.

L’associazione Cittadinanza Attiva ha presentato un indagine del suo “Osservatorio Prezzi & Tariffe” sui costi del servizio idrico. In Friuli Venezia Giulia non si ha una tariffa standard, ma a seconda delle province i costi in bolletta variano, e di molto, con una media regionale di 246 euro. a famiglia. Udine è la provincia friulana dove l’acqua costa di men,o in media 178 euro, mentre a Trieste si raggiunge la cifra di addirittura 342 euro.

Tutto sommato la media regionale è molto inferiore di quella nazionale che è ferma a 310 euro, anche se i dati dell’osservatorio mostrano chiaramente come dal 2007 ci sia stato un  incremento tariffario superiore al 46% in FVG, mentre a livello nazionale è di “solo” il 33%. Prendendo il caso della provincia di Pordenone l’aumento è stato addirittura del 64,1% con una spesa annua attuale di 215 euro per nucleo familiare. Udine rispecchia il trend nazionale avendo apportato un incremento dei costi idrici di poco più del 34% negli ultimi sei anni.

Dato che lascia basiti per quanto riguarda il Friuli è quello riguardante la dispersione idrica. Ebbene Gorizia e Trieste strappano il record nazionale con addirittura il 56% dell’acqua immessa nelle tubature che va persa, o sarebbe meglio dire buttata, mentre la media nazionale è del 33%. Un dato davvero impressionante.

L’indagine è stata realizzata in tutti i capoluoghi di provincia italiani, focalizzando l’attenzione sul servizio idrico integrato per uso domestico: acquedotto, canone fognatura, canone di depurazione, quota fissa contatoti. I parametri sono stati sviluppati considerando una famiglia tipo di 3 persone, ipotizzando un consumo anno di 192 metri cubi di acqua e aggiungendovi l’iva al 10%.

Le famiglie sostengono quindi in media una spesa di 310 euro ed è il centro la zona dove i rincari sono stati maggiori con un +47,1% rispetto al 2007, seguita dal nord +32,1% e il sud 23,8%.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
UdineToday è in caricamento