Grado: cosa visitare nella città lagunare

Storia, arte e mare: ecco le più belle attrazioni della località turistica del Friuli Venezia Giulia da visitare

Grado, situata tra Trieste e Venezia, è una località turistica dell'Alto Adriatico. La città è famosa per il suo centro storico pieno di testimonianze artistiche e le diverse attrazioni che offre ai propri turisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il centro

L'isola è caratterizzata dal centro storico che porta fino ai giorni nostri la tradizione di un antico borgo di pescatori, pieno di viuzze e piazzette. Da visitare, poi, anche il porto, che rappresenta una specie di salotto cittadino, e il lungomare, speciale in ogni stagione. Ancora, Grado offre diversi stabilimenti balneari con molti servizi per garantire ogni tipo di comfort anche in spiaggia.

Cosa visitare

  • Il Castrum. La piazzette e le viuzze del centro racchiudono al proprio interno molta storia. Grado, infatti, nacque in epoca romana come importante porto fluviale in funzione di Aquileia. Il centro storico è una sorta di labirinto di calli e campielli, con architetture tratteggiate da muri di pietra, piccole finestre, strette scalinate esterne e comignoli caratteristici. All'interno del centro, poi, si possono anche visitare il battistero paleocristiano e le porte del Castrum.
  • La diga. Nata nel Settecento come difesa dalle mareggiate, oggi la diga si è trasformata in una passeggiata sul Lungomare Nazario Sauro, da visitare tutto l'anno. Qui, si possono ammirare bellissimi tramonti.
  • Il porto. Il porto vecchio di Grado ha una caratteristica forma a Y, e rappresenta il salotto cittadino della città, con bar, caffè, ristoranti e negozi sul mare. Chiamato anche Porto Mandracchio, si può visitare dalle prime ore della mattina, con il rientro dei pescherecci, alla sera.
  • La "passeggiate elegante". Questa si trova nel centro di Grado, dove si apre un'ampia area pedonale, che si estende lungo i due viali principali (viale Europa Unita e viale Dante Alighieri), e lungo le vie parallele alla spiaggia e al lungomare.
  • Isola della Schiusa. Quest'isola può essere raggiunta grazie a un ponte pedonale che la collega a Grado.
  • Fossalon. Si tratta di una frazione di Grado, una fertile area agricola ricavata dalla bonifica. L'area accoglie due riserve naturali che ne custodiscono la biodiversità: la riserva della Val Cavanata (una delle valli da pesca più ampie della zona) e la riserva naturale della Foce dell'Isonzo.
  • Isola di Barbana. Situata nella laguna di Grado, ospita un santuario mariano di antichissima origine (582 d.c.). Può essere raggiunta con un servizio regolare di traghetti, che collega l'isola a Grado.
  • La Basilica di Sant'Eufemia. L'interno della basilica presenta un bellissimo pavimento con decorazioni a mosaico. Ancora, da osservare gli affreschi dell'abside e i reperti romani e paleocristiani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento