rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
social

Anche così si abbattono i pregiudizi, coop sociale friulana "entra" nel mondo dell'industria

Coop Partecipazione di Udine, attiva dal lontano 1979 nel campo dei servizi e dell'inserimento lavorativo delle persone con fragilità, è la prima coop sociale friulana a mettere piede nel mondo dell'industria con l'acquisizione del marchio Isc, ramo aziendale della multinazionale Modine

È stata la prima cooperativa sociale nata in provincia di Udine nell’ambito della riabilitazione e del reinserimento sociale. Ed ora si appresta ad essere la prima coop sociale friulana a mettere un piede nel mondo dell'industria.

Coop Partecipazione, realtà associata a Legacoop Fvg e a Confcooperative Alpe Adria e attiva a Udine dal lontano 1979 nell'ambito dell'inserimento lavorativo di persone con fragilità, ha siglato ieri, 4 agosto, l'acquisizione del marchio Isc, ramo d'azienda della multinazionale americana Modine. Il grande valore dell'operazione, oltre che dal punto di vista finanziario, sta nel profilo umano, dato che con oggi si abbatte ancora una volta il muro dei pregiudizi che vogliono le persone svantaggiate impegnate troppo spesso solo in alcuni servizi come, ad esempio, pulizie o giardinaggio.

Lo stabilimento produttivo che ospiterà la Isc, marchio storico conosciuto a livello internazionale per la produzione di apparecchiature utilizzate per la manutenzione degli impianti di condizionamento delle auto e delle motrici, si trova a Villa Santina. Fino ad oggi, la cooperativa era un terzista della Modine, multinazionale fondata nel 1916 negli Stati Uniti.

«Il nostro rapporto con Modine – spiega il presidente di Coop Partecipazione, Andrea Contessi – risale al 2019, data in cui iniziammo come terzisti ad eseguire diverse lavorazioni per loro. Negli anni, poi, questa collaborazione si è consolidata fino al punto di decidere il passaggio di proprietà di un ramo. L'esperienza in Isc ha dimostrato – prosegue – come fosse possibile riuscire ad impiegare persone con fragilità in mansioni che apparentemente non si adattavano a loro. Un passo importante – conclude – che si tramuterà ora in nuove assunzioni, due già subito e tre nel 2023, e che segna l'ingresso ufficiale della cooperativa nel mondo della produzione, oltre a quello storico dei servizi che ovviamente continueremo a mantenere».

Un'operazione che trova il plauso anche del vicepresidente di Legacoop Fvg e presidente di Legacoop sociali Fvg, Paolo Felice. «L'acquisizione da parte della cooperativa Partecipazione – commenta – rappresenta una perfetta sintesi di come fare impresa sociale sia possibile, anche al di fuori della consolidata e indispensabile collaborazione con la pubblica amministrazione. L'operazione conclusa – continua Felice – ci rappresenta come sia sempre possibile il rapporto tra secondo e terzo settore, nel rispetto dei principi della sostenibilità sociale e economica promossi dall'Agenda 2030».

firma_a sx amministratore delegato di Modine Mario Signorini e a dx il presidente di coop partecipazione andrea contessi-2

(a sinistra l'amministratore delegato di Modine Mario Signorini e a destra il presidente di Coop Partecipazione Andrea Contessi)

Dal sociale all'industria

Partecipazione, ad oggi circa 130 soci e socie, come già accennato è una cooperativa sociale di inserimento lavorativo. Nasce nel 1979 da un gruppo di infermieri e pazienti dell’Ospedale psichiatrico di Sant’Osvaldo di Udine per favorire il reinserimento nella società degli allora “degenti” del manicomio provinciale udinese. Nel 1988, grazie ad una convenzione con l’Usl udinese, tramite la quale veniva riconosciuta a Partecipazione una funzione di surroga e di appoggio alle attività istituzionali, il percorso imprenditoriale della cooperativa prende slancio. Oggi Partecipazione gestisce un'ampia gamma di servizi, dalle pulizie civili e sanitarie, alla manutenzione di aree verdi, dal servizio di ristorazione e mensa, al terziario industriale, dalla formazione ai progetti.

Tra le varie attività la cooperativa offre anche diversi servizi di outsourcing. Per soddisfare le varie richieste dei propri clienti ha infatti aperto dal 2019 un’unità produttiva nella zona industriale di Villa Santina. Uno spazio produttivo di oltre 1.000 metri quadrati che, oltre alla produzione già avviata per conto della Modine, ora ospiterà anche tutta la fase di progettazione e commercializzazione dei prodotti Isc. La cooperativa è in grado di offrire servizi di assemblaggio meccanico ed elettrico, servizi di confezionamento ed inscatolamento, saldobrasature di componenti. Il personale impiegato partecipa a programmi formativi studiati ad hoc per acquisire le conoscenze tecniche necessarie alle varie lavorazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche così si abbattono i pregiudizi, coop sociale friulana "entra" nel mondo dell'industria

UdineToday è in caricamento