Lingue minoritarie, il progetto Rush di Cividale al Parlamento Europeo

Il progetto europeo sul plurilinguismo e le lingue minoritarie del Convitto Paolo Diacono, ARLeF e comune di Cividale del Friuli è stato presentato a Bruxelles

"Rush - Re and Up Skilling Horizons", questo il nome del progetto coordinato dal Convitto Paolo Diacono, comune di Cividale del Friuli e ARLeF. A queste realtà, si sono aggiunti poi l'ente regione Galizia (Spagna), due scuole della regione Galizia, la Croazia (Unione delle minoranze) e la scuola di Rovigno. Il progetto triennale autorizzato dall'EU è centrato sul valore culturale del plurilinguismo nella didattica con l'uso delle lingue minoritarie.

Gli obbiettivi

Gli scopi principali dell'iniziativa sono due: la realizzazione di una "Linea Guida" per i docenti plurilingue in Europa (tradotta in sei lingue) e la creazione di un "Centro Risorse europeo" che ospiterà i materiali per l'insegnamento plurilingue, prodotti dai docenti, che saranno a disposizione di tutte le scuole.

La Linea Guida

Questo nuovo progetto è finalizzato a definire i titoli riconosciuti al docente plurilingue in Europa, a creare moduli formativi attraverso l’apprendimento integrato di lingua e contenuto e ad aumentare le opportunità occupazionali dei docenti in Europa. La linea verrà completata entro il mese di ottobre (manca da implementare la sezione di esemplificazione di attività didattiche). È stata, inoltre, attivata la banca dati relativa alle attività didattiche effettivamente svolte e messe a disposizione di tutte quelle scuole in cui si vuole dare impulso all'insegnamento plurilingue. A breve, potrà essere consultata da tutti gli operatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Parlamento Europeo

Gli esiti del percorso progettuale, che comprende attività di ricerca-azione nelle scuole primarie e secondarie, attività di formazione dei docenti e di scambio per alunni, verranno presentati in sede europea a Bruxelles ai decisori politici interessati alla presenza delle lingue (ufficiali, minoritarie, locali) nel percorso di apprendimento scolastico. Presente al Meeting di Santiago svolto pochi giorni fa, la dottoressa Clementina Frescura, recentemente nominata reggente del Convitto nazionale Paolo Diacono di Cividale, l'istituto coordinatore di Rush, che ha espresso così la sua soddisfazione per il progetto: "Siamo entusiasti della fiducia che la Commissione Europea ha riposto in questa iniziativa strategica sullo sviluppo del plurilinguismo nelle scuole con l'utilizzo delle lingue minoritarie. Il Meeting Transnazionale a cui abbiamo preso parte ci ha dato la possibilità di offrire le dovute garanzie al progetto, ribadendo la nostra aderenza al percorso programmatico previsto, con un forte investimento di risorse umane nell'allargamento delle scuole protagoniste. Inoltre, i risultati di questa inedita attività di ricerca-azione andranno condivisi anche con il Parlamento europeo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aria salubre e sicura con la corretta manutenzione dei climatizzatori

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento