Martedì, 27 Luglio 2021
Scuola

L'asilo chiude per due settimane alle 13, protesta dei genitori in difficoltà

In un istituto comprensivo udinese è arrivata la comunicazione che, nelle ultime due settimane di scuola, l'asilo chiuderà alle 13 senza garantire le ore pomeridiane

Pandemia, emergenza sanitaria, smartworking, didattica a distanza: che anno difficile per tutti, comprese le famiglie chi si sono dovute destreggiare tra computer sempre accesi, figli lontano da scuola e lavoro portato a casa. Ecco che la ripresa delle lezioni in presenza ha rappresentato un momento di sollievo, corrispondente a un primo passo di ritorno verso la tanto attesa "normalità". Ma un'amara sorpresa ha atteso un gran numero di genitori: l'annuncio che nelle ultime due settimane di scuola, l'asilo dei propri figli avrebbe chiuso alle 13 anziché al pomeriggio come previsto.

«Siamo disperati perché in un anno che è stato già molto duro, la notizia che l'asilo chiuderà alle 13 non ci voleva», dichiarano i genitori di un asilo di un Istituto Comprensivo di Udine. E così, un gruppo di genitori si è unito e ha chiesto, tramite una lettera, spiegazioni alla dirigente scolastica e all'ufficio scolastico regionale. 

Scriviamo per comunicarle il forte disagio causato dalla variazione di orario prevista dalla sua circolare n. 215 del 21-5-2021 (resa nota a noi genitori a scuola in data 27-5).
Già in contesto normale, con la maggior parte dei genitori impegnati lavorativamente nelle fasce pomeridiane, l'interruzione improvvisa (di cui non conosciamo le ragioni) di parte sostanziale del servizio scolastico nelle ultime settimane di scuola, causerebbe notevoli problemi alle famiglie.

La richiesta è stata dettata soprattutto dal fatto che la notizie è stata data con poco preavviso, rendendo così ancora più difficile l'organizzazione familiare già particolarmente provata dalla situazione attuale.

Nell’annata caratterizzata dalla pandemia, questo è ovviamente un onere aggiuntivo che non deve gravare sulle famiglie, e ancor più sui nostri figli che già hanno subito riduzioni, rimodulazioni, sospensioni dell'attività didattica. Come già richiesto in un precedente colloquio, sarebbe auspicabile che le famiglie ricevessero questo genere di notizie ad inizio anno in modo da potersi organizzare di conseguenza. Nel caso specifico, le famiglie avrebbero potuto accedere al servizio del centro estivo comunale già a partire da metà giugno e non da inizio luglio, come molti hanno fatto, contando sull'apertura della scuola fino a fine giugno.

Le richieste

Non conosciamo le ragioni del provvedimento e le saremmo grati di comunicarcele.
Il calendario scolastico previsto dagli uffici preposti regionali prevede l'attività didattica fino al 30 giugno, per questo le chiediamo immediatamente la sospensione del provvedimento adottato e lo svolgimento regolare dell'attività didattica anche in orario pomeridiano fino a chiusura della scuola. Allo stesso modo chiediamo che venga deliberato per l'a.s. 2021/2022 il mantenimento dell'orario pomeridiano fino alla fine dell'anno.
 

La risposta

Non si è fatta attendere la risposta da parte della direzione scolastica, che ha sottolineato come "la variazione oraria nelle ultime due settimane di scuola è stata deliberata dal Consiglio di Istituto per tutte le scuole dell'infanzia". La comunicazione alle famiglie, però, benché la seduta risalga al giugno del 2020 e la delibera sia stata regolarmente pubblicata all'albo d'Istituto, è arrivata solo all'ultimo momento. 

La proposta, avanzata e approvata anche dal Collegio docenti, era pervenuta al Consiglio di Istituto per "la necessità di "accompagnare" i grandi nel passaggio alla primaria e dedicarsi, in vista della pausa estiva, al consolidamento delle competenze di medi e piccoli, come previsto dal progetto "accoglienza e continuità" che prevede la compresenza di due docenti a inizio e fine anno, in modo da poter lavorare parallelamente su più gruppi".

Per i genitori, però, questa non rappresenta una reale motivazione ma più che altro un autentico e grande disagio per la loro organizzazione familiare. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'asilo chiude per due settimane alle 13, protesta dei genitori in difficoltà

UdineToday è in caricamento