Sanità e case di riposo, pensionati pronti a riprendere la mobilitazione

Uilp, Fnp-Cisl e Spi-Cgil all’assessore Riccardi: “Deve riconoscere il ruolo di rappresentanza del sindacato. Su rafforzamento dei servizi territoriali, assistenza domiciliare e case di riposo totale assenza di risposte”  

Resta alta la guardia dei sindacati pensionati su sanità e case di riposo, che denunciano una "perdurante assenza di risposte da parte dell’assessore alla salute Riccardo Riccardi alle ripetute richieste di riprendere il confronto con le sigle confederali e dei pensionati".

"Il tavolo – dichiarano i segretari regionali Magda Gruarin (Uilp), Renato Pizzolitto (Fnp-Cisl) e Roberto Treu (Spi-Cgil) – è fermo allo scorso 12 maggio: un dato di fatto, questo, che non può essere smentito dall’assessore, dal cui atteggiamento emerge una chiara volontà di interrompere il dialogo sociale e il mancato riconoscimento del ruolo di rappresentanza dei sindacati. Volontà ribadita con i fatti, al di là delle dichiarazioni di facciata, anche dopo la manifestazione unitaria organizzata da Cgil, Cisl e Uil il 20 luglio e il nuovo appello a riaprire il confronto da noi lanciato tre settimane fa, in occasione dell’audizione davanti alla 3a Commissione del Consiglio regionale".

A preoccupare Uilp, Fnp e Spi, in particolare, i ritardi negli obiettivi di rafforzamento dei servizi territoriali previsti sia dalla riforma sanitaria del 2019 che dagli indirizzi e dai finanziamenti nazionali: il potenziamento dell’assistenza domiciliare ad anziani e non autosufficienti, l’accelerazione della riclassificazione delle case di riposo, un piano concreto per abbattere le liste di attesa per interventi, visite ed esami, anche attraverso un forte investimento sulle assunzioni di personale. "Tutti elementi di fondamentale importanza – spiegano Gruarin, Pizzolitto e Treu – non soltanto per adeguare il nostro modello socio-sanitario alle sfide poste dall’invecchiamento della popolazione ma anche per affrontare una possibile seconda ondata della pandemia, di cui si intravedono purtroppo già i segnali, con più efficacia e senza gli errori che hanno contraddistinto la prima, in particolare sul fronte delle case di riposo e dell’assistenza agli anziani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se l’attuale situazione di stallo nelle relazioni con la Giunta dovesse perdurare, e in assenza di risposte sui temi sollevati, i pensionati sono pronti a riprendere la strada della mobilitazione, "a fianco – precisano i segretari regionali – delle confederazioni e delle categorie degli attivi". Proprio per valutare e decidere nuove iniziative comuni è in programma un vertice unitario di Cgil, Cisl e Uil regionali, che si terrà entro la prima settimana di ottobre.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento