L'ordine delle professioni sanitarie Fvg non ha rappresentanti nei “gilet arancioni”

L'Ordine TSRM-PSTRP sottolinea come le dichiarazioni rese da una presunta fisioterapista in una manifestazione dei cosiddetti “gilet arancioni” non rappresentino la professione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

A seguito di numerose segnalazioni e richieste di chiarimento pervenute in relazione all’evidenza mediatica delle dichiarazioni effettuate agli inizi di giugno dalla signoraa Giulietta Beele in occasione di una manifestazione organizzata a Trieste dai cosiddetti “gilet arancioni”, si precisa che la stessa non risulta ad oggi essere iscritta all’Albo per la Professione Sanitaria di Fisioterapista di codesto Ordine Professionale. L’Ordine, oltre ad esprimere la più totale distanza dalle esternazioni della Signora, rileva anche che affermazioni, dal contenuto sensibile, non verificato, e dal forte impatto emotivo (riferimento a cause di decessi, incidenza di patologie, percorsi assistenziali impropri, ecc.) possono assumere carattere di maggiore attendibilità qualora la fonte dichiari di essere un professionista sanitario. L’Ordine valuterà ogni tutela ritenuta appropriata a preservare l’immagine della professione sanitaria coinvolta, ribadendo il più totale impegno delle Professioni sanitarie durante tutta la fase emergenziale dell’epidemia Covid, e la più totale osservanza delle indicazioni ministeriali e regionali in materia.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento