menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"La Giunta Fedriga è incapace di programmare su temi cruciali"

Mariagrazia Santoro (Pd): "In ritardo la nomina del nuovo direttore Sores, i problemi si rincorrono anziché prevenirli"

"In un momento cruciale per il sistema sanitario di necessità di cure, la Giunta Fedriga continua a correre dietro ai problemi anziché prevenirli e come continui a mancare una dovuta programmazione. Questo accade con il direttore della Sores, prossimo alla pensione e senza alcuna procedura attivata per la sua sostituzione, ma anche con il distretto sanitario di Udine". Lo afferma la consigliera regionale del Pd, Mariagrazia Santoro a margine dell'interrogazione discussa in Aula con la quale ha chiesto alla giunta quando avverrà la nomina del nuovo direttore della Sala operativa regionale emergenza sanitaria (Sores).

"La centrale è unica e lavora su tutto il territorio regionale. È preoccupante che non siano nemmeno state avviate le procedure per disporre un bando per sostituire il direttore che entro pochi mesi andrà in pensione. In nessun luogo in sanità si può togliere e mettere un dirigente senza un benché minimo avvicendamento, tantomeno in una struttura complessa come il Sores. Questa è l'ennesima prova di come si rincorrano le criticità anziché prevenirle". Secondo Santoro, "lo stesso tema riguarda anche il distretto sanitario di Udine che non può lavorare con un direttore ad interim, in primis per lui e per la qualità del suo lavoro: si trova a scavalco tra la direzione dei servizi socio sanitari e un distretto di oltre 150mila abitanti come quello di Udine. Anche in questo caso era noto che i tempi per la pensione erano maturi: arrivare con una sostituzione ad interim in un momento così cruciale significa ancora una volta correre dietro alle questioni e non programmarle".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento