Cancro della mammella in Friuli Venezia Giulia

Simona Liguori (Cittadini): «La Regione valuti l’anticipazione dell’età per lo screening del tumore mammario e aumenti le risorse oggi disponibili»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

In Friuli Venezia Giulia, come nel resto d'Italia, il tumore del seno è la neoplasia più frequente nel sesso femminile. Nella nostra Regione, però, l’incidenza è superiore rispetto alla media nazionale e nel 2019 le donne colpite sono state in totale 1.450 con 300 decessi. L’89% delle pazienti riesce comunque a sconfiggere la malattia, soprattutto se viene individuata nelle fasi iniziali. «Attualmente - ha spiegato Simona Liguori dei Cittadini - in Friuli Venezia Giulia, secondo quanto indicato dal Ministero della Salute, la mammografia per la diagnosi precoce è raccomandata ogni due anni a tutte le donne di età compresa fra 50 e 69 anni. In altre regioni d’Italia, ad esempio in Emilia Romagna, il programma di screening propone la mammografia alle donne dai 45 ai 49 anni per la diagnosi precoce dei tumori della mammella. La richiesta di anticipare l’età di inizio degli screening - ha sottolineato Liguori - era stata depositata già nel 2018 in occasione della III Commissione dalla Sezione Provinciale di Udine della LILT Lega italiana per la lotta contro i tumori, che ne aveva sollecitato l’adozione certa che “all’iniziale costo elevato per il sistema sanitario regionale, corrisponderanno poi risparmi enormi nelle cure, oltre che un numero importante di vite salvate”. La Giunta regionale - ha concluso la rappresentante dei civici – valuti con gli esperti del nostro territorio la necessità di anticipare l’età dello screening del tumore mammario e al contempo destini a tale scopo un’adeguata parte di risorse. In tal senso - ha concluso Liguori, annunciando il deposito in Regione di un’apposita mozione - il nostro impegno e il nostro stimolo non mancheranno di certo». 

Torna su
UdineToday è in caricamento