Giovedì, 24 Giugno 2021
Salute

Anticipazione dell'età dello screening del tumore al seno, Liguori e Centis: “Un fondamentale passo avanti nella prevenzione”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

“L’anticipazione dello screening per la diagnosi del tumore alla mammella è un tema su cui ci siamo battuti a lungo perché ci sta a cuore: l’estensione alle donne tra i 45 e i 49 anni decisa oggi dalla Giunta regionale è un passo importante nella prevenzione”. Esprimono così la loro soddisfazione i consiglieri regionali Simona Liguori e Tiziano Centis (Cittadini) davanti alle novità previste nel Programma regionale di screening, che inviterà a effettuare lo screening le donne dai 45 anni compiuti. “Certi della bontà della proposta, supportata da studi scientifici internazionali, di ripensare le fasce d’età che possono accedere a questo esame avevamo attenzionato il Consiglio regionale con una mozione e un ordine del giorno – commentano i consiglieri -. Nessuna nostra azione sarebbe stata possibile, però, senza l’input della Lilt, che in passato aveva già fatto presente questa necessità, e senza le petizioni presentate recentemente dai Comitati di Udine e Pordenone dell’Associazione nazionale donne operate al seno (Andos): era fondamentale che le voci delle associazioni che vivono da vicino questi problemi venissero ascoltate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anticipazione dell'età dello screening del tumore al seno, Liguori e Centis: “Un fondamentale passo avanti nella prevenzione”

UdineToday è in caricamento