rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
protesta

Ambulatori medici a lume di candela anche in Friuli Venezia Giulia

Oggi, giovedì 15 dicembre, anche Fimmg Fvg aderisce alla giornata di protesta nazionale

Ridotti al lumicino: è la metafora che viene utilizzata dalla Federazione italiana medici di medicina generale che conta più di 300 iscritti alla sua associazione per fotografare la situazione in cui versa. Lo slogan (“Interveniamo prima che la medicina generale si spenga e con lei il Servizio sanitario nazionale”) dice praticamente tutto. Una richiesta di aiuto che oggi, più che mai, deve tradursi in fatti concreti. Per questo oggi, giovedì 15 dicembre, si starà un’intera giornata a lume di candela per porre maggiore attenzione sui problemi legati al loro settore. 

«Anche noi in quella giornata - spiega il dottor Fernando Agrusti segretario regionale Fimmg Fvg - accoglieremo i nostri pazienti a lume di candela. Una decisione presa per sottolineare le condizioni critiche in cui lavorano i medici di famiglia, senza però ricorrere a sistemi di protesta più radicali che, in questo momento di picco dell’influenza stagionale e recrudescenza della pandemia, sarebbero contrari al senso di responsabilità verso i cittadini assistiti che da sempre caratterizza questa professione». Nel garantire il rispetto del servizio offerto, la Fimmg ha scelto di lanciare un segnale forte alle istituzioni. La medicina di famiglia viene infatti trascurata nelle misure per contenere i costi del caro energia e dell’inflazione. Norme che variano dal ristoro dei dipendenti pubblici (per i quali è stata prevista una indennità una tantum per il 2023, come anticipo sul prossimo contratto, pari all’1,5 % dello stipendio), ai provvedimenti (come il decreto Aiuti quater) a favore delle aziende.

Fernando Agrusti

fernando agrusti (1)

«Probabilmente - aggiunge Agrusti - non è ancora chiaro che il medico di famiglia è un libero professionista convenzionato, assimilabile ad una piccola impresa, e come tale tutti gli oneri di gestione del proprio studio professionale sono a suo carico, compresa la presenza di personale amministrativo e infermieristico. Non si comprende allora perché escluderlo dai provvedimenti che prevedono agevolazioni per le imprese e gli studi professionali dal momento che, al contrario di altri professionisti che operano con partite IVA e con costi di gestione a proprio carico, il medico di medicina generale non può adeguare le tariffe delle proprie prestazioni ai costi sostenuti essendo un servizio pubblico regolamentato da una convenzione con il Servizio sanitario nazionale, peraltro ferma al 2018. Per queste ragioni anche in Friuli Venezia Giulia come Fimmg vogliamo dare un segnale a tutte le forze politiche, locali e nazionali, che in questo momento stanno discutendo la prossima Legge di bilancio. Il tutto, lo ripetiamo, senza far venire meno il nostro impegno per i pazienti, che non verranno penalizzati dalla protesta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulatori medici a lume di candela anche in Friuli Venezia Giulia

UdineToday è in caricamento