rotate-mobile
Politica

"Troppe dimenticanze nel bilancio di Fontanini e della giunta"

A parlare è Federico Pirone, capogruppo in Comune di Progetto innovare

"Dimenticanze studiate ad arte". È quanto emerge secondo Federico Pirone, capogruppo in consiglio comunale di Progetto innovare, dalle dichiarazioni di fine anno di Pietro Fontanini. "Parlando di sicurezza – entra nel dettaglio Pirone – si citano le 60 utilissime telecamere, ma ci si dimentica dell’intervento dell’Esercito. Si parla di riqualificazione, ma ci si dimentica dei quartieri periferici, sempre più avviati a diventare dormitori. Si parla di una mostra, una singola mostra, e ci si dimentica della disattenzione verso la qualità della cultura in città, soprattutto verso i giovani. Ci si dimentica soprattutto della povertà e del disagio educativo che hanno raggiunto livelli preoccupanti, ma verso i quali è mancata un'azione di contrasto serio".

"Ci si dimentica poi della viabilità sempre più congestionata – prosegue Pirone –, della sporcizia in cui versano interi quartieri e della situazione inaccettabile in cui si trova l’Ospedale.  Eppure in passato erano state poste basi solide affinché molti progetti di riqualificazione potessero essere attuati velocemente. Invece troviamo una città che è scivolata verso la marginalizzazione. Eppure in questi anni finalmente i comuni hanno avuto la possibilità di spendere ingenti cifre, non come avveniva nei tempi del Patto di stabilità".

"Ci chiediamo seriamente – conclude Pirone – dove il sindaco Fontanini legga questi “risultati importanti”. Per noi il 2023 si apre con un grande lavoro da impostare e attuare velocemente per riportare Udine allo status che le compete: sociale, economico, ambientale e urbanistico". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Troppe dimenticanze nel bilancio di Fontanini e della giunta"

UdineToday è in caricamento