Coronavirus: Shaurli-Iacop, task force regionale per pagare imprese

"Semplificare rendiconti e erogare anticipi" è la ricetta del segretario dem e del collega di partito

«Allestire urgentemente una task force con centinaia di unità di personale regionale, da dedicare subito al pagamento di imprese creditrici e al versamento di tutti i contributi attesi da associazioni. La Regione può e deve dare una prima risposta immediata al bisogno di liquidità del nostro sistema economico e sociale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È la proposta che il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli e il consigliere regionale dem Franco Iacop rivolgono alla Giunta Fedriga, per far fronte alle conseguenze economiche dell'emergenza coronavirus.«La liquidità ora più che mai non deve restare ferma nelle casse della Regione ma – indica Iacop – sia utilizzata per dare sollievo al tessuto produttivo e associativo regionale. In particolare si faccia subito una ricognizione dei pagamenti in sospeso, semplificando la rendicontazione e prevedendo il versamento di anticipi parziali sull'anno in corso». «Prevediamo di presentare norme apposite per semplificare i rendiconti - aggiunge Shaurli - e già ora stiamo raccogliendo segnalazioni, proposte e richieste dalle categorie».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Addio mascherina, è ufficiale: via libera anche a cinema e sagre

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

Torna su
UdineToday è in caricamento