rotate-mobile
Politica

Campo nomadi, il Comune taglia il 90% dell'acqua consumata

Sarà installato un contatore anti spreco. “Pieno accordo con il Cafc. Consumi dieci volte superiori alla quota corretta” spiega il sindaco Fontanini

Rifacimento del pozzetto dell’acqua su suolo comunale, quindi esterno al campo nomadi. Installazione di un contatore per limitare la portata dell’acqua. Un conseguente crollo del 90% dei consumi: da 100mila litri al giorno a una quota stimata di 10mila litri. Questo l’esito del confronto tra il sindaco di Udine Pietro Fontanini e il direttore del Cafc Massimo Battiston.

Giro di vite

Spiega il primo cittadino: “Tagliamo la testa al toro in premessa: non ho mai detto che voglio togliere la fornitura dell’acqua. Ma è un mio dovere imprimere un giro di vite molto severo ai rubinetti. Come possiamo tollerare che 40-45 persone consumino 100mila litri di acqua al giorno? Con 10mila litri al giorno siamo ampiamente oltre alla quota ragionevole stimata dal Cafc. Chi difende gli sprechi non è un filantropo, ma un ipocrita che manca di rispetto alla comunità. O, in alternativa, semplicemente non sa quello che dice”.

Ispezione

Ancora il sindaco: “Il Cafc farà un’ispezione per individuare le perdite, visto che è ormai acclarato che la ragione principale di questi consumi risiede nelle tubature fatiscenti. A quel punto, sposteremo il pozzetto su superficie comunale e lo doteremo di un limitatore. Non solo: per chi chiedesse di consumare una quota ulteriore di acqua, potremo intestare il contatore alla singola utenza. Ognuno paghi l’acqua che consuma. Come tutti”.

Tempi

Fontanini chiude: “Serviranno non più di 10-15 giorni per fare quanto descritto. Lo scorso anno il Comune ha pagato 26mila euro per l’acqua del campo nomadi. Non siamo disposti a continuare a pagare conti del genere. La quota vitale di acqua è stimata in 50 litri al giorno a persona: obiettivamente, una cifra molto bassa. Il Cafc ha stabilito una soglia di 200 litri al giorno: basta fare due calcoli per capire che gli attuali consumi sono irragionevoli. L’acqua non si spreca. Si usa in modo corretto e si paga”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campo nomadi, il Comune taglia il 90% dell'acqua consumata

UdineToday è in caricamento