Mobilità sostenibile: 63 milioni dal 2020 al 2033 in Friuli Venezia Giulia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

«Con l’attuazione del Piano strategico nazionale della Mobilità sostenibile, quasi 4 milioni e 300 mila euro arriveranno annualmente in Friuli Venezia Giulia dal 2020 al 2033, per un totale di quasi 63 milioni in quattordici anni».

A dichiararlo, i deputati friulani del MoVimento 5 Stelle Luca Sut e Sabrina De Carlo che così commentano lo schema di decreto del MIT che, di concerto con il MISE e il MEF, dà il via libera alla fase attuativa del Piano, già adottato con il Dpcm del 18 aprile scorso: «È una rivoluzione ecologica quella che stiamo introducendo – aggiungono i portavoce M5S che osservano come “il Governo abbia già inaugurato un cambio di paradigma culturale, orientato a costruire un modello di Paese ecosostenibile che, con questo provvedimento, si dota di un sistema di trasporto pubblico che mette in circolazione veicoli a metano, a idrogeno o elettrici, finanziando anche le infrastrutture per la loro ricarica. L’obiettivo – chiosano i pentastellati Sut e De Carlo - è il miglioramento della qualità dell'aria, in attuazione degli accordi internazionali e della normativa comunitaria, vigente in materia. Il decreto – riprendono – era atteso da anni e fortemente voluto dall’ex Ministro Danilo Toninelli, in linea con il Green New Deal che stiamo sviluppando nel nostro Paese, dove la vetustà dei veicoli del trasporto pubblico è notevole, con ripercussioni inevitabili sulle emissioni prodotte. Per troppi anni - incalzano - siamo rimasti al palo in fatto di iniziative a supporto del trasporto sostenibile, settore strategico dal punto di vista ambientale ed economico. Grazie all’attuazione del Piano che finanzia Città metropolitane e Regioni e che prevede, per il nostro territorio, l’aggiunta di quasi 3 milioni di euro per il 2019 – si avviano a concludere - le città potranno finalmente investire in mezzi a basso impatto inquinante e contribuire al mantenimento della qualità dell’aria, troppo spesso fuori soglia in fatto di polveri sottili».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento