Serracchiani chiede più Comuni per l'accoglienza ai richidenti asilo

Secondo la Presidente della Regione sono troppo poche le amministrazioni che hanno messo a disposizione delle strutture per ospitare i profughi, facendo così in modo che il carico si concentrasse eccessivamente da altre parti

«Ci deve essere un maggior coinvolgimento dei Comuni che si traduca quindi in un'accoglienza diffusa nel territorio regionale per poter gestire al meglio il fenomeno dell'immigrazione». Lo ha detto ieri sera la presidente della Regione Debora Serracchiani a margine dell'incontro di presentazione dei dati relativi al Terzo settore in Friuli Venezia Giulia.

«Attualmente su 216 comuni della regione - ha detto la presidente - solo una parte di questi hanno messo a disposizione strutture e supporti per dare accoglienza agli immigrati». Per Serracchiani «è comunque necessario affrontare l'emergenza con l'accoglienza diffusa in tutte le realtà del nostro territorio per creare le condizioni di dialogo e integrazione con la popolazione locale. Ma se su 216 comuni solo una piccola parte svolge questo ruolo, allora diventa difficile poter gestire al meglio la situazione. Quindi sarebbe opportuno che si compia uno sforzo maggiore da parte di tutti, tanto dal pubblico quanto dal privato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento