rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Politica

Salviamo il Tagliamento

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Salviamo il Tagliamento: il Re dei Fiumi Alpini, il Gange del Friuli. Uno dei più importanti fiumi d'Europa e per certi versi del Mondo, va difeso da tutte quelle opere cementizie che andrebbero a distruggerne la sua particolare identità. Non l'abbandono a sè, ma la cura, la manutenzione e l'attenzione necessaria a garantire la convivenza con i Paesi e le Città del suo territorio, preferendo invece soluzioni eco-compatibili. Un NO chiaro e netto a opere invasive, eccessive, molte volte inutili e dannose, che andrebbero invece a distruggere - per sempre - il Re dei Fiumi e il suo Habitat. Per capirne di più, Aquile Libere ha intervistato Cristian Fior, Presidente del Comitato pro Tagliamento in Unesco, l'unico soggetto che opera con continuità per l'inserimento del Tagliamento nel Patrimonio Mondiale UNESCO, nella sua veste di sito misto, naturale e culturale, ambientale e storico, cuore del Friuli e dell’Europa. Aquile Libere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salviamo il Tagliamento

UdineToday è in caricamento