rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Politica

Progetto Fvg-Regione Speciale: inizia il processo di strutturazione nei comuni

È stato costituito il nuovo coordinamento che porterà entro la fine dell’anno al congresso regionale. Al via a luglio la nuova campagna tesseramento

Dopo la convention di lunedì 20 giugno al Centro delle Grazie di Udine, si è riunito il primo coordinamento regionale provvisorio che avrà il compito di traghettare entro la metà di luglio le due associazioni, ‘Progetto Fvg’ e ‘Una Regione Speciale’, alla fusione che sancirà la nascita di un grande movimento politico civico regionale.

Coordinamento

Il coordinamento composto in egual misura da componenti delle due associazioni dovrà inoltre portare entro la fine del mese di novembre all’elezione attraverso un congresso elettivo del segretario e del coordinamento regionale, a cui seguiranno i congressi provinciali e comunali. Il coordinamento provvisorio che si è già dato appuntamento per giovedì della prossima settimana è formato da Emanuele Zanon, Marco Pottino, Luca Mazzaro, Giuliano Castenetto, Cristiana Gallizia, Giorgio Filaferro, Francesco Piscopo, Maurizio Del Bello, Michele Sacellini e Giorgio Cecco.

Tesseramento

Il mese di luglio segnerà l’apertura della campagna di tesseramento: saranno infatti gli iscritti al movimento ad eleggere i propri rappresentanti interni.
Particolare attenzione è stata dedicata alla necessità di aprire un dialogo con tutte le componenti civiche regionali al fine di verificare la possibilità di costituire una federazione tra il movimento e le stesse, anche alla luce degli impegni elettorali che vedranno nella primavera del 2019 il rinnovo di innumerevoli consigli comunali in regione. Nelle prossime settimane saranno infatti avviati i primi contatti.

Obiettivo

Obiettivo del coordinamento provvisorio sarà quello di presentare simbolo e liste in ogni comune che andrà ad elezione, passaggio fondamentale per la strutturazione a livello territoriale del movimento stesso. In tal senso è stata analizzata anche la necessità di dotarsi di sedi politiche, dove iscritti e sostenitori possano incontrarsi per analizzare le problematiche territoriali e regionali, e creare un legame diretto tra territorio e rappresentanti istituzionali regionali.

Risultati

Il forte consenso ottenuto nelle ultime consultazioni elettorali, quasi 30 mila voti, il terzo partito della coalizione, che oggi è rappresentato in consiglio regionale da 4 consiglieri e un assessore, ha indotto anche una riflessione circa l’opportunità di pensare nel medio periodo a un movimento che possa valicare i confini regionali al fine di creare solidi collegamenti anche a livello nazionale.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Fvg-Regione Speciale: inizia il processo di strutturazione nei comuni

UdineToday è in caricamento