menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pagnacco, oggi il primo consiglio con chi invocava "olio di ricino per i buonisti": lettera dei cittadini

La lettera dei "Cittadini di Pagnacco", a firma di David Bassi, Mauro Chiarabba e Cinzia Zampini

Una parte dei cittadini di Pagnacco non accetta l'ingresso in consiglio comunale di Alberto Stefani. Il sentimento è espresso in una lettera dei "Cittadini di Pagnacco" a firma di David Bassi, Mauro Chiarabba e Cinzia Zampini, indirizzata al sindaco del Comune collinare, Luca Mazzaro. 

Il 30 novembre si terra? il Consiglio Comunale, nel quale siedera? per la prima volta in veste di Consigliere il sig. Alberto Stefani.

I due mesi che sono trascorsi dalla sua individuazione non ci fanno certo scordare come questa sia avvenuta in circostanze, seppur legittime, quanto meno inopportune.

Durante l’estate, in occasione del triage dei richiedenti asilo a Castellerio, il sig. Stefani nei suoi commenti su FB esortava ad aprire la “caccia all’extracomunitario” o a “dare l’olio di ricino a quelli che li accolgono”, parole che al di la? della trivialita?, esprimono inequivocabilmente la sua fede politica, i cui disvalori sono vietati espressamente dalla Costituzione e dalle leggi ordinarie. 

Questo nuovo Consigliere rappresenta, inoltre, una stridente contraddizione poiche? nel Consiglio Comunale del 10 agosto la Sua giunta ha accolto la mozione di sentimenti presentata da Alternativa Democratica, per condannare le parole di odio circolate su FB e Lei stesso ha pubblicamente biasimato quei “farneticanti annunci”. 

Anche Pagnacco, cosi?, attraverso i suoi rappresentanti politici entra nel vergognoso novero di quelle pubbliche istituzioni della nostra regione che, come soluzione per i recenti fenomeni migratori, hanno evocato la riapertura dei forni crematori o proposto di sparare a uomini inermi.

Ricordiamo, infatti, il responsabile della Protezione Civile di Grado, che rispetto alle rivolte di migranti scoppiate la scorsa estate nell’ex Caserma Cavarzerani di Udine proponeva come soluzione “quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, cosi? non rompono piu?”; e che dire dell’irruzione di un gruppo di estrema destra nel Consiglio Regionale di Trieste, di fronte al quale un Consigliere ha espresso il suo sostegno esclamando “Ai migranti sparerei tranquillamente”. 

Ovviamente questi proclami sono seguiti da pentimenti di facciata, a cui neppure il sig. Stefani si e? sottratto, il cui unico obiettivo e? di mantenersi saldamente attaccati alla poltrona.

Senza negare che l’immigrazione sia un problema che il nostro Paese, insieme all’Europa, deve affrontare seriamente, restiamo attoniti rispetto alla pochezza intellettuale e morale della nostra classe dirigente la cui unica linea politica e? una farraginosa strategia della tensione. In questa ottica e? stata autorizzata il 24 ottobre una manifestazione contro i migranti, organizzata da un gruppo di estrema destra a Trieste, che ha portato a prevedibili violenti scontri e tafferugli. 
Noi cittadini di Pagnacco non siamo dei “buonisti merdosi” come ci ha definiti il sig. Stefani, non vogliamo accogliere tutta l’umanita? nelle nostre case, in nome di un astratto altruismo, siamo donne e uomini comuni che vorrebbero dei rappresentanti politici capaci di affrontare con competenza, serieta? e soprattutto umanita? la questione dell’immigrazione, a partire proprio dalle piccole comunita? locali in cui viviamo, perche? crediamo fermamente che ogni essere umano sia titolare di diritti inviolabili, in primis quello alla vita.

L’immagine straziante di una giovane madre della Guinea che grida “I loose my baby” riferendosi al suo bambino morto nell’ennesimo naufragio e? in questi giorni il simbolo di tutte le vite perdute.

Il Consiglio Comunale del 30 novembre in questo senso ci offende, perche? la giunta, con sua linea politica pavida e contraddittoria, ha abdicato alla prerogativa deontologica imprescindibile di rappresentare tutti i cittadini, anche quelli che come noi a gran voce lo richiedono da mesi.

Noi Le ricordiamo che continueremo senza sosta la nostra battaglia civile informando i cittadini e coinvolgendo tutte le istituzioni, per difendere i principi della nostra Costituzione e soffocare il riemergere di ideologie liberticide. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento