menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Federico Pirone in un'immagine d'archivio

Federico Pirone in un'immagine d'archivio

Pirone: "reciprocità tariffaria estesa anche ad altri servizi"

Il consigliere comunale di Sinistra, ecologia e libertà commenta positivamente le recenti decisioni dell'amministrazione in merito ai servizi di ristorazione scolastica, proponendo che il criterio possa essere esteso

I comuni di Udine e Tavagnacco hano recentemente sancito il principio della “reciprocita? tariffaria" per quello che riguarda il costo dei pasti nella ristorazione scolastica. Questo vuol dire che un bambino di Udine che va a scuola a Tavagnacco pagherà la mensa allo stesso prezzo degli alunni che risiedono in quel comune. Chiaramente la cosa vale anche al contrario. 

Il Consigliere comunale di SEL Federico Pirone ha seguito attivamente la cosa e la giudica più che positiva, ma non si accontenta. Considerando anche gli altri comuni dell'hinterland, una volta oliato il modello appena inaugurato, vorrebbe  che il rapporto venisse esteso anche a questi. Lo scopo è quello di creare un'offerta che sia omogenea, non discriminatoria e vantaggiosa per tutti gli abitanti del territorio udinese.

Il suo impegno è dunque volto a concentrare l'attenzione sullo "studiare e prevedere, anche con un gruppo di lavoro idoneo, adeguati strumenti e meccanismi compensativi tra le amministrazioni per far fronte alle differenze dei servizi attualmente presenti, coinvolgendo la Regione per sostenere economicamente questa forma di indirizzo e garantendo comunque un’attenzione particolare alle difficolta? riscontrate dalle poverta? in aumento".

Una volta completato questo passaggio il criterio potrà essere applicato anche a servizi differenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento