menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paolo Ciani di FLI accusato di razzismo contro Mario Balotelli

Sul suo profilo Facebook l'ex vice presidente della Regione ha condiviso una foto che gira in rete, con l'attaccante del Manchester City impegnato in un campo si, ma diverso da quello del calcio a 11

Nuova grana da social network per i nostri politici. Dopo la dibattuta questione Dordolo, che ha causato l'espulsione dalla Lega del consigliere comunale di Udine, entra in gioco un esponente di Fututo e Libertà, sulla carta un movimento meno "vulcanico". Il post è stato segnalato dal sito di cronaca politica locale Ilperbenista.it, e successivamente ripreso anche dai network nazionali come Repubblica.it

Paolo Ciani, ex enfant prodige della destra friulana, con un passato anche da vice presidente della Regione e commissario straordinario per l'emergenza nella laguna di Grado e Marano, ha fatto un'entrata che fa discutere a scapito di Mario Balotelli, centravanti della nazionale italiana di calcio. Sul suo profilo Facebook ha condiviso l'immagine dell'attaccante in campo si, ma intento a raccogliere ortaggi invece di giocare a pallone.

Non stiamo parlando certamente di un santo. Anzi, il puntero bresciano è da tempo discusso protagonista di parecchie bravate che ne hanno costruito e alimentato la fama da bad boy antipatico ai più. Lasciamo però giudicare ai lettori se l'immagine sia simpatica o possa essere identificata come elemento di scherno a sfondo razzista.

Ciani, a suo agio con lo strumento, si difende direttamente on-line, con una dichiarazione breve ma esaustiva: "vengo accusato di aver fatto questo post razzista. Sfido chiunque a dimostralo avendo fatto un comento puramente calcistico ed avendo usato una foto che gira in rete".

La sfida è dunque aperta.

Il post dal profilo Facebook di Ciani

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento