Stop alle auto inquinanti, le considerazioni di Enrico Pizza

Intervista all'assessore alla Mobilità, sui divieti di transito che riguarderanno il centro storico di Udine da questo pomeriggio fino al 31 Marzo

Enrico Pizza

Dalle 16 alle 20 di oggi fino al 31 Marzo 2014 scatta il divieto di transito nel centro città per le seguenti categorie: veicoli a benzina “Euro 0” e “Euro 1” e veicoli diesel “Euro 0”, ”Euro1”, “Euro2”e “Euro3”; per i motocicli e ciclomotori il divieto riguarda gli “Euro 0” e Euro1”.

Assessore Pizza, perché si è giunti a questa “rivoluzione” del piano del traffico?

E' stata una scelta dell'amministrazione precedente. Cambia l'atteggiamento: non si fa più l'intervento solo quando l'aria è inquinata, ma ora la regione chiede ai comuni di fare interventi di prevenzione. Ecco perché Udine, sul modello di Bolzano e di altri comuni capoluogo della pianura padana, si attiva in tale direzione. Si vogliono semplicemente ridurre nei periodi invernali, dove si somma l'inquinamento del traffico automobilistico a quello del riscaldamento, gli attraversamenti dei centri della città.

Chi riguarda e come viene effettuato questo divieto di transito?

Il provvedimento non utilizzando il sistema a targhe alterne non punisce più chi ad esempio possedeva un'auto nuova non inquinante. Non riguarda i residenti del centro dell'area compresa il ring e non riguarda nessuno se non nell'orario compreso dalle 16 alle 20. Fascia oraria dove l'Arpa ci dice che si concentrano le polveri sottili e in cui si hanno i picchi maggiori. Ecco perché andare a limitare in questo orario l'attraversamento delle macchine può dare dei risultati.

Il centro destra però vi attacca sostenendo che così facendo si svuota ancora di più il centro storico di Udine.

Il piano con tutte le deroghe previste, per gli invalidi, il carico e scarico, le auto mediche ecc... permetterà comunque alla città di vivere normalmente. Certo, si va a favorire quell'80% circa di persone che possiedono un auto non più di tanto inquinante. Si vuole solo fermare per qualche ora chi inquina di più. Non fuori dalla città, ma intorno al “ring” utilizzando i parcheggi presenti. Ad esempio, anziché parcheggiare in via Cosattini, dove un'ora costa 1.20 euro, si può utilizzare il Park Magrini al prezzo di 50 centesimi l'ora. Quindi c'è anche un teorico risparmio.

Quali zone possono utilizzare da oggi i pendolari con auto inquinante?

Si può utilizzare tutta la città fino al ring. viali come viale Trieste, viale Europa Unita, Viale Ledra, Viale San Daniele, via di Toppo sono tutte percorribili, l'area all'interno di queste invece non lo è, se non dalle 16 alle 20. Consiglio per questo motivo i parcheggi in struttura lungo questo perimetro, quali il Magrini, l'Andreuzzi, il Caccia e il Moretti. Tutti parcheggi disponibili e a buon prezzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale 2020 solo tra conviventi, ma ci sono possibilità anche per fidanzati e nonni

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

  • Il sogno di tutte e tutti: dimagrire mangiando, niente stress con il Metodo Bianchini

Torna su
UdineToday è in caricamento