L’inchiesta sulle case di riposo approda in consiglio regionale

Simona Liguori: “Necessario tutelare gli ospiti delle strutture e gli operatori sanitari. La Regione intensifichi i controlli”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

L’inchiesta sulle case di riposo approda in Consiglio regionale. La Consigliera dei Cittadini Simona Liguori ha presentato un’interrogazione urgente all’Assessore alla sanità per sapere se abbia dato indicazioni ai competenti Distretti sanitari affinché la vicenda non impatti sull’assistenza alle persone ospiti nelle strutture coinvolte. L’interrogazione chiede inoltre come vengano attuati i controlli sulle convenzioni con le strutture per anziani non autosufficienti da parte delle Aziende per l’assistenza sanitaria e se l’Assessore non ritenga opportuno dare indicazione affinché tali controlli vengano intensificati. ”Vista l’inchiesta della Procura della Repubblica di Udine a carico della Sereni Orizzonti – ha precisato Liguori – il nostro primo interesse deve essere quello di tutelare gli anziani ospiti delle strutture e i professionisti sanitari che li assistono. In attesa che la magistratura accerti la verità è giusto che la politica faccia tutto quanto di sua competenza per evitare complicazioni a danni degli utenti, che non devono risentire di quanto sta accadendo e degli operatori, lavoratori onesti che non hanno alcuna responsabilità in quanto sta accadendo”. Nell’interrogazione, Liguori sottolinea che la funzione di controllo sulle convenzioni con le strutture per anziani non autosufficienti è esercitata dall’Azienda per l’assistenza sanitaria territorialmente competente attraverso i Distretti sanitari e dovrebbe essere organizzata in modo da garantire il rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza, efficacia ed efficienza e professionalità. “ E’ necessario quindi - conclude Liguori - intensificare i controlli onde evitare i rischi del ripetersi di situazioni analoghe”.

Torna su
UdineToday è in caricamento