Il Movimento 5 stelle vuole le dimissioni di Serracchiani e Bolzonello

Alla base delle motivazioni il collasso delle cooperative: la richiesta sarà esplicitata attraverso una mozione dettagliata

Con una lunga e dettagliata mozione che sarà depositata nei prossimi giorni, il gruppo del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale formalizzerà la
sfiducia politica nei confronti di Debora Serracchiani, presidente della Regione, e di Sergio Bolzonello, vicepresidente della Giunta e assessore alle Attività produttive.

"In questi giorni stiamo assistendo al collasso di due importanti cooperative regionali, Cooperative Operaie di Trieste, Istria e Friuli (Coop Ts) e Cooperativa Carnica di Consumo (CoopCa), con conseguenze gravissime per più di 1.300 occupati e oltre 20mila soci aderenti al prestito sociale" - scrivono i portavoce M5S. "Questa situazione - proseguono - non può in alcun modo essere presentata come un fulmine a ciel sereno, in quanto aspetti di criticità erano da tempo segnalati nei bilanci delle due realtà".

Nonostante ciò, la presidente Serracchiani e l'assessore Bolzonello, con delega fra l'altro alla Cooperazione, pur in presenza di elementi certi e precisi in merito alla gravità della situazione, non hanno assunto le iniziative di loro competenza fino al punto che - spiegano i consiglieri del MoVimento 5 Stelle - in entrambi i casi alla loro inerzia ha dovuto sopperire l'autorità giudiziaria di propria iniziativa nel caso delle Coop
Ts e su richiesta del consiglio di amministrazione nel caso di CoopCa. Pertanto ci troviamo oggi con la nomina di un amministratore giudiziario e con un concordato preventivo per le Coop TS e con una richiesta di concordato "in bianco" per CoopCa.

La Giunta Serracchiani ha dimostrato la sua totale inadeguatezza e impreparazione - attaccano i portavoce M5S. La legge attribuisce, infatti, alla Regione chiari compiti di vigilanza e di controllo sulle cooperative. Vigilanza che l'Esecutivo, nonostante ripetute segnalazioni anche da parte del
MoVimento 5 Stelle FVG, ha omesso di porre in atto. La magistratura è dovuta così intervenire per bloccare una situazione ormai degradata.

In realtà, la Giunta e la presidente Serracchiani vorrebbero che calasse un silenzio assordante su queste gravissime crisi aziendali che coinvolgono migliaia di cittadini di tutto il Friuli Venezia Giulia. La stessa Serracchiani che ha preso 12.500 euro in campagna elettorale da quelle cooperative che dovrebbe controllare e che, come dimostrano i fatti, non ha mai controllato. Ecco perché proponiamo la sfiducia alla sua Giunta per come non ha voluto affrontare il crollo del sistema
cooperativistico della nostra regione.

Il MoVimento 5 Stelle pretende, infatti, che la presidente della Regione e il suo Esecutivo adottino provvedimenti urgenti per l'individuazione delle responsabilità, non solo amministrative ma anche politiche, nell'omissione di vigilanza del comparto cooperativo regionale.

Per questi motivi - concludono - come portavoce regionali chiederemo con insistenza che il Consiglio regionale riconosca gli errori della Giunta Serracchiani e di conseguenza accolga la sfiducia da noi proposta.

Potrebbe interessarti

  • Aloe vera: tutti i benefici della super pianta

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Cantinetta del vino in casa, quale scegliere

  • Viaggio in auto: come combattere il caldo

I più letti della settimana

  • Lignano, chiamano il taxi ma arriva qualcun altro

  • Ritrovata Lorena in uno stavolo di montagna: è viva ma semi incosciente

  • Si distendono a terra aspettando le auto mentre l'amica li filma, ragazzini rischiano l'investimento

  • Giornata no per i locali lignanesi, chiusi il Mr. Charlie e La Pagoda di Pineta

  • Va dal medico perché in sovrappeso, scopre di essere incinta al settimo mese

  • Ruba un'auto, sperona i carabinieri e poi cerca di rubargli la pistola, arrestato

Torna su
UdineToday è in caricamento