«Macroregione? Torneremmo al periodo della dominazione veneta»

La "fusione" con Veneto e Trentino Alto Adige, prospettata in un'ottica di razionalizzazione delle regioni, rappresenterebbe un passo indietro di oltre 200 anni secondo il presidente della Provincia Fontanini

"Il Friuli Venezia Giulia di nuovo sotto Venezia, come nel periodo 1420-1797, sarebbe una sottomissione penalizzante. Un grave passo indietro. Una trasformazione che penalizzerà la nostra regione riportandola indietro al periodo della dominazione veneta". Questo il giudizio del presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini sul progetto di costituire la Macroregione con Fvg, Veneto e Trentino, contenuta in una proposta di legge finalizzata a ridurre il numero delle regioni da 20 a 12 attraverso una serie di accorpamenti.

"Se quest'operazione andrà in porto - commenta Fontanini - il Friuli Venezia Giulia scomparirà, annullato nella nuova conformazione che vedrà il predominio del Veneto. La storia rischia di ripetersi: la nostra regione è già stata sottomessa alla Repubblica Veneta che la occupò dal 1420 e fino all'arrivo di Napoleone (1797) per sfruttare il suo posizionamento strategico, tra terre germaniche, slave e italiche. Insomma, un'occupazione funzionale al disegno di espansione e consolidamento tant’è che il Friuli, proprio per le ambizioni della Serenissima, fu spesso terreno di scontro con grandissimi danni per popolazione e territorio. Il Parlamento venne mantenuto ma non con il grande potere che lo caratterizzava nel sistema istituzionale precedente e vedendo quindi limitate le sue funzioni. In quel periodo, inoltre, il Friuli subì devastanti incursioni da parte dei Turchi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Nota artigiana udinese scompare da casa: l'appello del fratello

  • Pianista prodigio friulana a 10 anni rappresenterà l'Italia ad Amburgo

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • Addio al dottor Sacco, per anni un riferimento del reparto di oncologia

  • Dopo sette anni di attività chiude la gelateria Grom di Udine

Torna su
UdineToday è in caricamento