menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fotografia tratta dalla pagina Facebook del B!Side

Fotografia tratta dalla pagina Facebook del B!Side

«Ma quale movida? Con l'ordinanza Udine città morta, anche in periferia»

Stefano Cecotti, coordinatore comunale di Forza Italia: «Ordinanze anti movida sì e anti immigrazione no? Strane priorità sono quelle sulle quali si attenziona e pone l'accento il sindaco Honsell e la maggioranza di centro sinistra che governa la città di Udine»  

Stefano Cecotti, coordinatore comunale di Forza Italia a Udine, interviene contro il "pugno duro" confermato dal sindaco del capoluogo friulano in occasione dell'incontro con il Coordinamento nazionale "No Degrado e Mala Movida" che ha segnalato al primo cittadino diverse situazioni di disturbo alla quiete pubblica, in particolare nelle zone di viale Vat e in via Giovanni Paolo II. Honsell ha infatti ricordato a tal proposito che sta valutando un'ordinanza che tuteli il diritto al riposo dei cittadini.

Stop ai rumori notturni e alla movida: una delegazione protesta a palazzo d'Aronco

«Destano forti perplessità le affermazioni e la volontà politica del sindaco Honsell di utilizzare lo strumento dell'ordinanza al fine di garantire e tutelare un non meglio precisato "diritto al riposo" - commenta il coordinatore cittadino di FI-. Così facendo, riteniamo che quei pochi eventi,momenti, giornate ed attività che animano la vita udinese ne risentirebbero pesantemente. Già parlare di sana movida a Udine e' difficile, gia' sono pochissimi i momenti e i luoghi di svago e di aggregazione per i piu' giovani in citta'. Se si colpiscono anche questi momenti, Udine diventa veramente una città morta in quanto ad attrattive per i piu' giovani. Tutto questo pero' mette in evidenza come - di fronte ad una situazione risaputa, ma da me recentissimamente denunciata circa il collasso che Udine affronta sul tema immigrazione - le priorita' del centro sinistra siano altre. Insomma ordinanze anti movida sì e anti immigrazione no? Ci pare proprio un'assurdita'. »

«Vorrei far notare a chi ci governa aggiunge Cecotti - che il bar Ego, di fronte al terminal Nord, si trova in una posizione lontana da caseggiati, condomini, abitazioni e quindi ci risulta difficile capire come puo' creare disturbo al tranquillo riposo dei residenti della zona. Riteniamo che quelle pochi momenti e luoghi di aggregazione e svago soprattutto per i piu' giovani in città debbano essere valorizzati, potenziati, aiutati, non disicentivati!! Udine necessita di interventi urgenti sul tema del decoro, sicurezza, immigrazione, bivacchi, etc. Si vede che queste non sono le priorita' e i problemi che il centro sinistra a Udine vuole risolvere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento