Accoglienza "imposta", le reazioni di Riccardi e Fedriga: «È vergognoso»

Gli esponenti del centro destra intervengono sulle dichiarazioni della presidente e del prefetto sulla necessità di coinvolgere i comuni contrari

Riccardi e Fedriga

Non si sono fatte attendere le reazioni politiche alle dichiarazioni della presidente Serracchiani e del prefetto Morcone sulla questione accoglienza. Riccardo Riccardi, capogruppo di Forza Italia in Regione, e Massimiliano Fedriga, presidente dei deputati della Lega Nord, hanno detto la loro sul tema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RICCARDI: «SERRACCHIANI COME SEMPRE DALLA PARTE DEL GOVERNO». «Come sempre la presidente Serracchiani difende il governo e non il Friuli Venezia Giulia. Prima di subire i diktat dello Stato sulla distribuzione degli immigrati in tutti i Comuni della regione, chieda il trasferimento dei 2.000 immigrati in più presenti nel Friuli Venezia Giulia rispetto alla quota del 2,5 per mille prevista dagli accordi Stato-Regione. Noi certamente non vogliamo una regione che si adegui alle disposizioni romane – rileva Riccardi – anche perché così facendo, Serracchiani diventa complice di uno Stato che ha completamente sbagliato le politiche dell’immigrazione e che oggi vuole far pagare i suoi errori alle regioni. Prima di dirci cosa dobbiamo fare, lo Stato ci spieghi come vengono identificati gli immigrati, come si rispediscono a casa quelli che non hanno diritto allo status di rifugiato, nonché come si possono velocizzare le procedure di espulsione». «Ora Serracchiani vuole coinvolgere i sindaci sul tema dell’immigrazione. Peccato che lo faccia solo quando va bene a lei. Ricordo, ad esempio, che sul tema delle Uti la stessa presidente ha voluto procedere ai commissariamenti senza minimamente ascoltare le istanze dei primi cittadini. E sappiamo tutti che fine hanno fatto questi commissariamenti davanti al Tar. Adesso anche i Prefetti paventano misure d’imperio che, probabilmente, faranno la stessa fine. Non è pensabile che la presidente di una regione per l’ennesima volta pensi più a risolvere i problemi di una maggioranza di sinistra che anche sull’immigrazione si è dimostrata inetta, invece di difendere e tutelare gli interessi del Fvg e dei suoi cittadini».
 
FEDRIGA: «RIMUOVERE MORCONE». «Il ministro Minniti rimuova Morcone dalla sua carica - dice Massimiliano Fedriga -. È inaccettabile che il capo del dipartimento immigrazione del Viminale imponga ai comuni del Friuli Venezia Giulia l’accoglienza degli immigrati. Un vero e proprio diktat accolto, naturalmente, con favore dalla Serracchiani che, come sempre, preferisce asservirsi al  governo piuttosto che  tutelare i diritti dei cittadini della regione. La video conferenza di ieri tra Morcone, i sindaci e sua moglie, prefetto di Trieste, con la quale è stato imposto l’obbligo di accoglienza a tutti i primi cittadini della regione, conferma  che il capo del dipartimento immigrazione del governo ha una personale frustrazione: essendosi infatti candidato sindaco con il Pd e avendo perso, ha deciso di umiliare i sindaci eletti dai cittadini. Un personaggio così è giusto che vada a fare un altro mestiere. È vergognoso avere un comportamento del genere al ministero dell’Interno. Chiediamo a Minniti - conclude Fedriga - di intervenire al più presto e di rimuovere Morcone».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento