rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Europa / Pasian di Prato / Via Roma, 60

Come fare a misurare e certificare la sostenibilità in ambito urbano

Si è discusso a Pasian di un “passaporto di sostenibilità” a scala territoriale, condiviso per tutta la comunità europea. A coordinare i lavori l'europarlamentare di Renew Marco Zullo

Dotarsi, a livello comunitario, di uno strumento guida da utilizzare per una valutazione della sostenibilità, non solo a per ciò che riguarda i singoli edifici, ma a scala di quartiere/territoriale, condivisibile nel rispetto delle differenze locali. Di questo si è discusso oggi a Pasian di Prato – nella sede di &Co – Energie Condivise –, e in contemporanea in altri sette centri italiani, nell'incontro “L'Europa dei quartieri: misurare e certificare la sostenibilità in ambito urbano”, con il coordinamento dell'europarlamentare di Renew Europe Marco Zullo.

L'europarlamentare

“Assieme al mio gruppo di lavoro sentiamo sempre più l’esigenza di coinvolgere i cittadini in quelli che sono i temi e le decisioni dell’Europa – ha detto Zullo –, ma per farlo bisogna ascoltarli e coinvolgerli in maniera attiva. Da qui l’idea di portare in Italia questa importante iniziativa dell’Unione Europea, e creare diversi incontri mirati su tematiche specifiche nate dai territori che hanno deciso di aderire”. “Questo progetto – prosegue Zullo – ci permette di realizzare una linea di comunicazione semplice e diretta, ed è in grado di far parlare il territorio con il territorio e con chi ha la possibilità di intervenire, supportare e coordinare le istanze, europee e non solo”.

La specialista

“Per operare correttamente in edilizia – spiega l’architetto Piera Puntel di &Co – Energie Condivise – è necessario valutare da una parte ciò che è stato fatto sotto l'aspetto della sostenibilità e dall'altra di ampliare la scala di riferimento verso il quartiere, il territorio, per poter ragionare e pianificare l’innovazione a scala urbana. Ci sono alcuni protocolli a schede, detti Tool, utilizzabili dai decisori sia pubblici che privati per valutare gli aspetti di sostenibilità del costruito alle diverse scale. La gran parte di questi, però, è propria di ogni stato, raramente sono trasversali”.
Al centro del dibattito, dunque, la possibilità di poter creare un vero e proprio strumento di analisi della sostenibilità a livello europeo: “coniugato a scala urbana e territoriale e condiviso a livello transnazionale – continua Puntel – basato su indicatori stabiliti, comuni, ripetibili e confrontabili, per innestare il miglioramento all’interno delle città europee”.
 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come fare a misurare e certificare la sostenibilità in ambito urbano

UdineToday è in caricamento