"Un vero delitto aver perso i 6 milioni dell'ospedale"

Il Partito LIberale Italiano presenta la lista per Cividale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

"I Liberali tornano a Cividale come Ulisse fece ritorno ad Itaca, per cacciare una classe politica inguardabile!" tuona Maurizio Facchettin, segretario regionale del PLI aprendo la presentazione al "Pomo d'oro" di Cividale ieri venerdi 15 Maggio. "E' necessario ripartire proprio dai cittadini che hanno il coraggio di mettersi in gioco e di lottare per cambiare questa classe dirigente e realizzare una società migliore da donare alle generazioni future. Crediamo fortemente in questo progetto e vogliamo dare un segnale di discontinuità" prosegue il candidato sindaco, l'outsider Michele Guastamacchia, che ha vissuto nella città ducale prima di trasferirsi per lavoro a Udine "ma a Cividale voglio tornare per viverla" Il candidato sindaco presenta il programma "Cividale Vale" che parte dal cittadino per la valorizzazione della città e delle sue frazioni. "Vogliamo rivitalizzare il centro storico, restituendo a Piazza Paolo Diacono il mercato nel quale troveranno posto anche prodotti agricoli locali a kilometro zero. Il centro deve diventare una vetrina naturale per le manifestazioni di arte e cultura. Il nostro obiettivo è che la città ducale diventi un'autentica città d'arte europea, per dare un impulso all'economia locale mediante il turismo culturale, con l'obiettivo di ricollocare le persone inoccupate. Rilanciare il Mittelfest e nuovi festival culturali e del folklore a tema, che interesseranno anche le minoranze del territorio, nel centro cittadino e in tutte le frazioni. Rivalutare le borgate di periferia, in cui i nostri candidati consiglieri sono già da ora disponibili anche attraverso la pagina Facebook #Cividalevale come referenti, pronti ad ascoltare e a rappresentare chiunque voglia far sentire la propria voce. Serve una sinergia, un filo che connetta l'Amministrazione e le attività commerciali, il mondo dell'associazionismo nell'interesse della collettività. Va ritrovato lo spirito di solidarietà e fratellanza emerso in risposta all' Orcolat del '76. Il centro di aggregazione giovani reso più accogliente. Maggiore sicurezza, intensificare il controllo del territorio. Sanità: un vero delitto perdere, a causa dell'inutilizzo dei fondi, un finanziamento da 6 milioni per l'ospedale di Cividale, noi vogliamo che un servizio così basilare sia garantito 7 giorni su 7. Al termine Guastamacchia ha presentato la sua squadra, di cui fanno parte anche anche alcuni liberali esponenti del neonato movimento Rivolta l'Italia: Alessandro Crosato, Corrado Zampino, Stefania Vuolo e Luigi Picci, uniti dallo stesso progetto: il rinnovamento della classe dirigente dei partiti.

I più letti
Torna su
UdineToday è in caricamento