menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Renzo Tondo durante la conferenza stampa

Renzo Tondo durante la conferenza stampa

Tondo: no all'election day, avanti con il mio progetto politico

Il governatore regionale ha illustrato i suoi progetti per la campagna elettorale. Non si dimetterà per unire i differenti appuntamenti elettorali. Serracchiani: una scelta arrogante

''Non mi dimetto per l'election day''. Lo ha affermato oggi il presidente del Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo (Pdl), a Udine. Tondo, come riportato dall'ANSA, ha definito ''inevitabile la discesa in campo di Berlusconi'', il progetto del ''Popolo del Fvg per Tondo'' non cambierà, anche se slitterà la convention per la nascita del soggetto politico regionale, inizialmente prevista per il 16 dicembre ( nome pare possa essere "Tondo Presidente"). ''Si farà il 18 gennaio - ha concluso - in un capannone a Manzano'', in provincia di Udine.

Sulla questione della riduzione dei Consiglieri regionali ha precisato che "ci sono ancora le condizioni affinchè il Parlamento possa approvare per tempo il disegno di legge costituzionale per la riduzione del numero dei consiglieri in Friuli Venezia Giulia, prima delle prossime elezioni".

Renzo Tondo ha inviato oggi al presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, una lettera con la quale sollecita l'inserimento in calendario della seconda e definitiva lettura del DDL costituzionale, dopo aver verificato con la segreteria generale della stessa Camera la fattibilità tecnica di questo passaggio. ''Abbiamo aperto una strada - ha detto - per la riduzione dei costi della politica, e vogliamo portarla fino in fondo''.

SERRACCHIANI: UN GESTO DI ARROGANZA

L'ANSA ha riportato anche il commento dell'avversario di Tondo, Debora Serracchiani: ''il no a priori all'election day è un gesto di arroganza, anche verso i soldi dei contribuenti. Tondo tenta di girare le carte in tavola ma la realtà e' sotto gli occhi di tutti: lui dipende sempre da Berlusconi. L'autonomia di Tondo dal Pdl è durata finchè non costava niente. Ora che il padre-padrone è di nuovo in campo - conclude - corre a fargli la campagna elettorale''.

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Tondo dice no all' Election day, cosa ne pensate?

Il presidente della Regione ha annunciato di non volersi dimettere per unire le elezioni regionali a quelle politiche nazionali. Gli avversari lo accusano di un inutile spreco di risorse



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento