Dopo 5 anni Serracchiani saluta commossa la Regione Fvg

La presidente del Friuli Venezia Giulia è intervenuta durante la sua ultima seduta del Consiglio regionale per un saluto di fine mandato: "Consiglio protagonista di una stagione di riformismo. Abbiamo programmato gli anni a venire di questa regione"

L'ingresso di Debora Serracchiani in Consiglio regionale la sera del 22 aprile 2013, dopo la notizia della vittoria alle Regionali. Immagine tratta da www.pdcordenons.wordpress.com

"Un ringraziamento a tutti i dipendenti della Regione, a tutti i consiglieri regionali, alla Giunta, per il lavoro che abbiamo fatto in questi anni". Sono le parole pronunciate dalla presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, intervenendo per l'ultima volta in Consiglio regionale, in quanto eletta parlamentare e dimissionaria entro il prossimo 23 marzo, prima seduta della Camera dei Deputati.

"Questo luogo - ha sottolineato la presidente uscente leggermente commossa - è il luogo più alto dove si fa la politica nella nostra Regione, in cui si prendono le decisioni più importanti e profonde per questa Regione". E dunque, ha affermato, "il Consiglio è stato protagonista di una stagione di riformismo molto profonda su cui possiamo avere opinioni diverse: sulle necessità, sul modo, sui luoghi e sui tempi in cui abbiamo fatto le cose. Credo però che vada riconosciuto a noi tutti, quindi non solo alla Giunta ma anche all'intero Consiglio Regionale, la capacità di leggere la necessità di un cambiamento". Per Serracchiani "sono state l'esercizio dell'autonomia e della specialità che hanno imposto una stagione riformista. Autonomia e specialità che abbiamo coltivato in questi anni non soltanto nella tenuta dei conti ma anche nelle scelte d’indirizzo che abbiamo fatto nell’interesse dei nostri cittadini".

Ribadendo che la Giunta aveva "obiettivi molto chiari nel suo programma elettorale", e che "quel percorso in larghissima parte si è compiuto", Serracchiani ha sottolineato che "questo lavoro ha dato lustro, importanza ad anni nei quali abbiamo deciso di non star fermi, abbiamo deciso di guardare in faccia la crisi e abbiamo anche deciso di fare delle scelte di campo importanti". "La politica può averci diviso, molte volte - ha detto - ci ha divisi, tuttavia credo che tutti abbiamo operato, ciascuno nel proprio ruolo, ciascuno nel proprio campo, ciascuno in base alla propria provenienza, alla propria storia personale, nell’interesse della nostra Regione, nell’interesse dei nostri cittadini".

Dopo aver ricapitolato l'attivita' svolta, Serracchiani ha precisato: "credo che abbiamo programmato gli anni a venire di questa regione. Certamente l’abbiamo fatto con la nostra sensibilità perché è giusto così: chi vince, governa. Lo abbiamo fatto però nell’interesse di tutti i cittadini, non soltanto di quelli che han votato la maggioranza, ma anche quelli che han votato diversamente o anche rispetto a quelli che il voto han deciso di non darlo, perché non ritengono di sentirsi rappresentati da nessuno di noi". Serracchiani ha concluso ringraziando ancora "per l'onore" di aver ricoperto il ruolo di presidente e esprimendo la sua riconoscenza alla stampa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

Torna su
UdineToday è in caricamento