I quartieri perdono il briciolo di autonomia che avevano, abrogato l'articolo 26

Venanzi (Partito democratico): "I consigli ora diventeranno un mero strumento di cassa di risonanza delle decisioni di sindaco e giunta"

Scompare l'articolo 26 del regolamento dei Consigli di quartiere. Lo ha deciso la giunta comunale e, in base a quanto affermato dall'opposizione, il disposto era l'unico che attribuiva senso alle ex circoscrizioni.  Si prevedeva infatti che la giunta, prima di adottare atti e deliberazioni riguardanti il territorio di riferimento, chiedesse un parere all'organo. Il provvedimento, dopo essere stato vagliato da sindaco e assessori, la prossima settimana passerà nella commissione competente. Sulla questione sono intervenuti Alessandro Venanzi, capogruppo del Pd in Consiglio comunale, e Massimo Ceccon, coordinatore di Progetto Innovare.

Consigli di quartiere, l'elenco completo dei componenti

Venanzi

"La formula dei consigli di quartiere è nata già zoppa - dice il capogruppo dem in Consiglio comunale - e la maggioranza ha voluto approvarla in solitaria, nonostante alcune nostre richieste di mediazione e negoziazione su questo strumento che doveva rappresentare la democrazia sul territorio. Nominando le persone e privandole di autonomia lo strumento democratico viene totalmente a cadere e il criterio di rappresentanza di Fontanini è abbastanza singolare. L'articolo 26 era l'unico che concedeva un briciolo di autonomia ai quartieri, che ora diventeranno un mero strumento di cassa di risonanza delle decisioni di sindaco e giunta, senza poter minimamente intervenire con spirito costruttivo e critico. Così facendo ammettono che lo strumento concepito così è sbagliato e nato male, e nei fatti umiliano i loro rappresentanti che dovranno solo eseguire gli ordini impartiti dall'alto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ceccon

"Il re è nudo. Fin dalla proposta d'isitituzione dei Consigli di quartiere - afferma il Coordinatore di Progetto Innovare - abbiamo denunciato come si trattasse di poltronifici, utili solo a illudere 81 cittadini di poter decidere qualcosa. Adesso la verità è stata messa nero su bianco dalla giunta. Da parte nostra avevamo proposto fin dall'inizio un'architettura completamente diversa per rendere realmente operativi questi Consigli, a partire dall'elettività dei consiglieri. Adesso - conclude Ceccon - non ci limiteremo certamente a stare a guardare mentre svuotano i neonati organi partecipativi dell'unica competenza che avevano, e staremo a vedere se qualcuno della maggioranza si schiererà finalmente dalla parte dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

  • Ambulanti in rivolta al mercato di Viale Vat: «Nei centri commerciali fanno entrare e qui no»

Torna su
UdineToday è in caricamento