Ex "Piave" occupata, il Comune chiederà i danni: "Abbiamo il dovere di manifestare indignazione"

Il sindaco Fontanini ha annunciato l'azione civile nei confronti degli otto stranieri accusati per invasione di edifici

L'ex caserma "Piave" di via Lumignacco

Otto stranieri, denunciati per invasione di edifici, saranno anche chiamati a rispondere dei danni cagionati alla struttura. Il Comune ha infatti deciso di costituirsi parte civile nel giudizio che vedrà come imputati i soggetti. Lo ha annunciato il sindaco Pietro Fontanini, precisando subito che più che un gesto per ottenere davvero qualcosa si tratta di "un dovere di manifestare la propria indignazione". Difficile infatti che, a patto che l'autorità giudiziaria decida che debbano versare una cifra a titolo di risarcimento, dei nullatenenti o presunti tali possano essere solventi. Tanto è vero che il primo cittadino non ha nemmeno quantificato l'ipotetico danno subito. "Abbiamo il dovere di manifestare indignazione" ha chiosato il primo cittadino. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

Torna su
UdineToday è in caricamento