rotate-mobile
verso le elezioni comunali 2023

Stefano Salmé, candidato anitsistema contro destra e sinistra

Nel pomeriggio di sabato 21 gennaio, Stefano Salmé ha presentato la sua candidatura a primo cittadino di Udine

Una lista che ambisce a vincere: quella presentata da Stefano Samè oggi pomeriggio, sabato 21 gennaio all’Hotel Là di Moret, è proprio questo. Dopo lo schiaffo elettorale del 2018 (quando il sindaco Fontanini usò l'impegno del candidato di estrema destra per portare a casa il risultato per poi scaricarlo senza nemmeno un "grazie" di circostanza), Salmè ci riprova con ancora più convinzione: sono ben 40 i candidati presentati che lo sostengono. “Rappresentiamo l’antisistema, Fontanini e De Toni sono le due facce della stessa medaglia. Noi abbiamo un vantaggio, i nostri candidati conoscono Udine come pochi, nella nostra lista ci sono professionisti, medici, avvocati, titolari di esercizi pubblici, presidenti di comitati dei luoghi più critici della città e appassionati della città che la amano”. Salmé ha dichiarato più volte di essere stato il primo in città a presentare la propria candidatura, e oggi ha dichiarato anche di essere il primo a presentare il suo programma, sostenuto da persone con diverse professionalità, dagli avvocati ai medici, dai giornalisti agli studenti. "Quaranta candidati che, per la loro professionalità, il loro spessore culturale, il loro radicamento nella città, sorprenderanno gli addetti ai lavori dei partiti, ancora invischiati nei logori rituali della vecchia politica. Una squadra che per la sua forza non ambisce soltanto a essere determinante, ma che punta a vincere”, ha dichiarato Salmè. La lista si è presentata come una civica che corre per vincere proponendosi come "l'alternativa". "Noi corriamo con l'obiettivo di vincere: sinistra e destra rappresentano una vecchia modalità di politica che non ci appartiene. Nella lista c'è un'elevata professionalità. Ci sono medici, infermieri, moltissimi imprenditori, ex rappresentanti delle forze dell'ordine, insegnati, esponenti economici cittadini come il titolare della Cjacarade, di Galimberti e il proprietario del bar Corin di borgo stazione", si commenta durante la conferenza stampa. Il programma è frutto delle consultazioni tra le parti, continua Salmé, che fa leva su un minimo comune denominatore, quello di esperienze diverse nel tentativo di migliorare la città. "Perché tutti noi la amiamo", dichiara il candidato sindaco. Il programma è stato stilato più di un anno fa, frutto di consultazioni con professionisti di diversi settori che, nel pensiero del candidato di estrema destra, dovrebbe soddisfare tutte le esigenze dei cittadini udinesi. 

Le liste dei candidati e delle candidate

lista unolista (2)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stefano Salmé, candidato anitsistema contro destra e sinistra

UdineToday è in caricamento