menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bilancio di previsione del Comune, l'opinione di Sinistra Ecologia Libertà

Dopo l'approvazione del documento contabile interviene nel dibattito la componente più a sinistra della maggioranza. Attenzione alla manutenzione ordinaria e al sistema bibliotecario

L'opinione di SEL sul documento contabile espressa, via voce e tastiera del pc, dal consigliere Federico Pirone:

Il bilancio di previsione 2012 approvato si presenta, per Sinistra Ecologia Libertà, come un documento equilibrato in cui elevata è l’attenzione per il sociale e per i servizi in un momento particolarmente grave di crisi economica e di difficoltà di programmazione per gli enti locali. Abbiamo qualificato il nostro voto presentando due ordini del giorno, approvati all’unanimità dal consiglio comunale.

Nel primo chiediamo di applicare una quota consistente dell’avanzo di amministrazione (attualmente impiegato in via cautelativa per il 20 %, su un totale di 11.404.000 di euro) per finanziare interventi di manutenzione ordinaria. Ci stiamo riferendo a micro-lavori di utilità pubblica ma di basso impatto economico, affidabili sotto un certo importo direttamente, che possono soddisfare le sempre più motivate esigenze dei cittadini riguardo alla manutenzione degli edifici e delle proprietà pubbliche del territorio (strade, marciapiedi, sfalcio del verde, lavori di segnaletica stradale, etc), mantenendo la sicurezza e la funzionalità dei luoghi pubblici della città, assicurando benefici alla realtà produttiva locale, alle famiglie di chi lavora in queste piccole e medie imprese e al loro indotto. Questo perchè riteniamo che, in maniera complementare alle politiche di welfare, un comune come quello di Udine debba porsi fin dal bilancio come obiettivo determinante della sua attività amministrativa la valorizzazione della qualità del lavoro di questa città.

Nel secondo impegniamo il sindaco a promuovere la progressiva implementazione della rete del sistema bibliotecario dell’Hinterland udinese, a cominciare dall’adesione del sistema delle biblioteche dell’Università degli studi di Udine, delle scuole secondarie, degli ordini professionali, degli istituti di cultura della città (così come previsto dall’art. 3 della L.R. 1 Dicembre 2006, n.25). In questo modo consideriamo di valorizzare ulteriormente, senza aumenti di costo e secondo un’ottica di cooperazione, il servizio offerto dal sistema bibliotecario stesso e il patrimonio culturale presente in città, a disposizione dei cittadini, degli studenti e degli studiosi.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento