In un mondo sempre più green, ci sono professioni che cadono a fagiolo

Tante occasioni di formazione professionale in ambito agroalimentare e ambientale

Terza media terminata: un traguardo importante raggiunto e un futuro davanti tutto da scoprire. Un futuro che però, per molti ragazzi, è ancora confuso e nebuloso, perché a quell'età, si sa, non sempre si hanno le idee chiare. La scelta è tra continuare a studiare oppure entrare il prima possibile nel mondo del lavoro.

Per questi ultimi, giovani con un'anima pratica e più portata a lavori manuali e fisici piuttosto che a stare ore chini sui libri, c'è la possibilità di formarsi e professionalizzarsi, così da poter maturare in breve tempo abilità e competenze specifiche, che rispecchino possibilmente le proprie inclinazioni e desideri di vita. Ma non solo, un percorso di formazione professionale, che solitamente dura tre anni, può guidare il ragazzo a un maggiore grado di autonomia, responsabilizzandolo e mostrandogli la via per una più rapida indipendenza.

E allora, per un genitore, diventa importante assecondare i figli, spingendoli a coltivare le loro passioni e a trovare il corso professionale più adatto. E, per chi abita in Friuli Venezia Giulia, è proprio "coltivare" la parola che può aprire diverse porte alle nuove generazioni. Questo perché CeFAP, unico ente accreditato per la formazione in agricoltura in Friuli Venezia Giulia, ha organizzato tre differenti corsi dedicati all'agricoltura e all'ambiente.

La materia trattata è attualissima e cade decisamente a fagiolo, soprattutto per il mondo che andranno a costruire i nostri ragazzi, un mondo in cui le istanze green e una coscienza collettiva ecosostenibile stanno sempre più prendendo piede a livello globale proprio a partire dai più giovani. È dunque in questo contesto che si inseriscono i tre corsi ideati da CeFAP:

–        Operatore agroalimentare;

–        Operatore ambientale montano;

–        Operatore della trasformazione agroalimentare – Addetto alle lavorazioni in filiere agroalimentari.

I corsi prevedono lezioni frontali in aula, ma si contraddistinguono soprattutto per le esercitazioni pratiche, permettendo agli studenti interazioni e collaborazioni, anche mediante stage e tirocini, con le aziende del territorio. In tal modo si sensibilizzano i giovani a valorizzare i prodotti agricoli e quelli trasformati, consentendo loro di sperimentare coltivazioni e produzioni locali. È proprio questo strettissimo legame, costruito negli anni da CeFAP con il territorio, con le sue aziende e con i prodotti che queste trattano, che è in grado di calare la formazione e la didattica nel contesto sociale ed economico che attende i ragazzi una volta terminati i tre anni di corso, a rendere il corso realmente propedeutico al rapido inserimento nel mondo del lavoro.

EsameALFA_gruppo_01-2

Da un lato, infatti, grazie ai tirocini, le aziende conosceranno già le nuove future risorse e saranno facilitate nella scelta dei migliori e più utili candidati, dall'altro questi ultimi si presenteranno ai nuovi datori di lavoro avendo acquisito competenze professionali concrete e spendibili da subito nelle stesse aziende e nei luoghi che avranno imparato a conoscere.

L'invito a visitare il sito e scoprire maggiori informazioni sui tre corsi professionali dedicati all'agroalimentare e all'ambiente è aperto a genitori e figli, per valutare un'occasione unica per i giovani che amano il territorio e sentono di voler dedicare il proprio futuro alla cura di esso, potendo plasmarlo e tutelarlo.

Una passione da coltivare con la formazione, per farle raggiungere la piena maturità nel lavoro desiderato.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
UdineToday è in caricamento