Imparare la marilenghe coi cartoni animati, oltre 100 episodi disponibili

Accanto ai classici “La Pimpa” e “Berto Lôf”, ci sono anche “Omenuts”, “Tui e Tuie” e le nuovissime puntate di “Rite e Cjossul”. E così l’apprendimento del friulano diventa un vero divertimento

Si sa, i bambini sono delle spugne che assorbono rapidamente ogni cosa. E tutti gli studi scientifici dimostrano che l’apprendimento precoce di più lingue ha un impatto positivo sullo sviluppo delle loro abilità cognitive e comunicative: migliora l’acquisizione di nuove lingue (come l’inglese), stimola il pensiero, rafforza la memoria e la concentrazione.

I bambini, inoltre, rappresentano il futuro per una comunità linguistica, come quella friulana, che da molti anni ha colto la sfida di far diventare la “marilenghe” uno dei punti fermi per lo sviluppo e l’apertura della propria identità.

Ecco perché l’ARLeF (Agenzia Regionale per la Lingua Friulana), ha messo online sul suo canale Youtube e sulla sezione Fruts del proprio sito Internet ben 100 cartoni animati in lingua friulana. Ce ne sono davvero per tutti i gusti: l’ultima in ordine di tempo è la tenerissima serie Rite e Cjossul, che racconta le giornate felici di Rite, una bambina di cinque anni, e del suo fedele amico Cjossul, un cane pigro e tranquillo. Ma a parlare in friulano ci sono anche Tui e Tuie, due teneri micetti pasticcioni e un po’ disubbidienti, e gli Omenuts, la nota serie creata dalla Fisher-Price (Mattel) che vede protagonisti cinque piccoli amici e le loro storie ricche di emozioni.

Sono tutte serie animate di grande successo, realizzate da note case di produzione internazionali e andate in onda su importanti canali, tra cui Disney Channel, che l’ARLeF ha appositamente realizzato nella versione friulana e messo gratuitamente a disposizione attraverso i propri canali informativi ed educativi.  

I bimbi che amano i “classici” possono inoltre trovare sul sito dell’Agenzia il link agli episodi della Pimpa, la cagnolina con il candido manto a macchie rosse, e di Berto Lôf (Lupo Alberto), realizzati dalla Regione F-VG in collaborazione con la sede RAI regionale.  

Gli episodi selezionati dall’ARLeF veicolano valori importanti, come l’amicizia e la gentilezza, insegnano che le difficoltà si possono superare, suggeriscono il rispetto delle regole e l’importanza della condivisione, raccontano la preziosità del rapporto con gli animali. Sono storie accattivanti e capaci di agire positivamente sullo sviluppo dei bambini, perché li aiutano ad interiorizzare dei modelli comportamentali positivi e a mettere a fuoco la propria identità.

I cartoni non sono l’unico stimolante regalo che ARLeF fa ai bambini per l’apprendimento del friulano. Nella sezione Fruts del suo sito Internet c’è a disposizione una vera e propria “stanza dei giochi” ricchissima di materiali “anti-noia”: fiabe, libri, audiolibri, filastrocche, canzoncine, disegni da colorare, giochi interattivi e le puntate della trasmissione televisiva “Maman!”

Se invece si preferisce far loro guardare i cartoni e tutti le puntante di “Maman!” sul canale Youtube dell’ARLeF, basta cliccare direttamente QUI.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus, una 28 enne finisce in terapia intensiva

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Non ce l'ha fatta il giovane Cristian, morto a soli 23 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento