Come e quando richiedere il bonus seggiolini 2020

Chi ne ha diritto e come si richiedere il bonus per i seggiolini antiabbandono? Ecco una breve guida con tutte le informazioni

@ Immagine tratta da leggioggi.it

Tutti i genitori con bambini di età inferiore ai 4 anni, hanno l'obbligo di munirsi di un dispositivo antiabbandono per i seggiolini in automobile. Da oggi, venerdì 6 marzo, scattano le sanzioni per chi viene trovato sprovvisto di questi dispositivi.

La domanda

La domanda per richiedere il bonus seggiolini 2020 si potrà effettuare online a partire dal 20 febbraio. Tramite questa richiesta si potrà richiedere il contributo per i dispositivi antiabbandono diventati obbligatori per legge.

Di cosa si tratta

Il contributo consiste in un rimborso di 30 euro, ossia un voucher spesa per tutti gli acquisti ancora da effettuare. Per poterlo richiedere, bisogna seguire una specifica procedura online che sarà disponibile tramite il portale che verrà predisposto dal MIT (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) entro il 20 febbraio.

Come fare

Per registrarsi al portale, però, è necessario essere in possesso dello SPID, ossia le credenziali di accesso alla Pubblica Amministrazione. Chi non le possiede, deve per forza richiederle prima di fare domanda per il bonus. Durante la registrazione, poi, saranno richiesti i dati del bambino o dei bambini (fino ai 4 anni) e dei genitori.

Il nuovo obbligo

Questo contributo è stato introdotto di conseguenza al nuovo obbligo per i seggiolini auto antiabbandono, partito il 7 novembre 2019.

Amazon

Da oggi tutti i genitori possono scegliere il dispositivo preferito tra i prodotti offerti da Amazon.it e usufruire del Bonus seggiolino di 30 euro erogato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sul loro acquisto.

Amazon ha appositamente creato una pagina dedicata che comprende un’ampia selezione di dispositivi antiabbandono che permettono di beneficiare del Bonus Seggiolino se venduti e spediti da Amazon.it, dando ai genitori l’opportunità di acquistare questi dispositivi con sicurezza e convenienza.

La selezione dei prodotti include diverse soluzioni per la tutela dei più piccoli e a supporto dei genitori, nei viaggi in auto tra le varie incombenze quotidiane: dai dispositivi connessi a forma di cuscino, ai sensori da posizionare sulle cinture di sicurezza o sotto l’imbottitura del seggiolino. Gli articoli che sono venduti e spediti da Amazon.it permettono ai clienti Prime di riceverli beneficiando delle consegne veloci.

Per utilizzare i buoni in relazione agli acquisti a partire dal 20 febbraio 2020, occorre visitare il sito amazon.bonus-seggiolini.it e inserire i seguenti dati: 

  • numero dell’ordine effettuato su Amazon, che si può trovare nella mail di conferma spedizione o nella sezione I miei ordini
  • codice del buono precedentemente generato sul sito messo a disposizione dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti bonuseggiolino.it utilizzando la propria identità digitale SPID
  • E-mail

Amazon verificherà la validità dei dati inseriti e rimborserà l’ammontare relativo al buono sul metodo di pagamento utilizzato per l’acquisto, segnalando la conferma dell’avvenuto rimborso via email.

Il numero di bonus è limitato e l’assegnazione avviene in base all’ordine temporale delle richieste, fino ad esaurimento dei fondi messi a disposizione dal Ministero, quindi è necessario affrettarsi.

Per tutti gli acquisti effettuati prima del 20 febbraio 2020, i genitori possono fare comunque richiesta di rimborso tramite la piattaforma informatica sviluppata da SOGEI e accessibile dal sito Bonuseggiolino.it. La richiesta deve essere effettuata entro 60 giorni dalla data di attivazione della piattaforma allegando prova di acquisto.

Maggiori informazioni, inclusi i Termini e Condizioni dell’iniziativa, sono disponibili a questo link. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Parcheggia davanti al suo locale per caricare la merce per le consegne ma viene multata

  • Fingono di pagare la piscina ma incassano davvero il resto, denunciate per truffa

Torna su
UdineToday è in caricamento