Incidenti stradali: potrebbero arrivare gli airbag laterali

Questi airbag consentirebbero di ridurre le vittime degli incidenti stradali proteggendo la macchina e i passeggeri lateralmente

@ Immagine tratta da autoblog.it

Frutto dell'idea di un'azienda tedesca, presto sul mercato potrebbero arrivare anche gli airbag laterali esterni, capaci di dare una maggiore sicurezza ai passeggeri in caso di incidente.

Gli esperimenti

La ZF ha fatto molti studi in questo campo, e da poco ha presentato il prototipo di questo nuovo sistema di sicurezza pre-crash. Questi airbag sono studiati per prevenire o ridurre uno degli incidenti stradali più pericolosi e frequenti, le collisioni con impatto laterale.

Cos'è

Questo nuovo modello non è altro che un vero e proprio airbag laterale esterno la vettura che entra in azione pochi millisecondi prima della collisione. Secondo gli studi della ZF, questo airbag potrebbe portare a una riduzione fino al 40 per cento delle gravità delle lesioni dei passeggeri.

Come funzionano

Questi airbag funzionano quasi come quelli montati all'interno della macchina. Infatti, vengono collegati in rete ai sistemi di sensori del veicolo. Inoltre, la ZF ha anche inventato un algoritmo in grado di calcolare se è utile azionare l'airbag o meno, in quanto la sfida principale di questo nuovo modello è capire se la collisione con un altro veicolo sia inevitabile o meno, e quindi riuscire ad attivare l'airbag poco prima della collisione stessa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus Verde 2021, a chi spetta e come ottenerlo per rinnovare giardini e terrazze

  • Fvg ancora in zona rossa: quanto durerà e le regole dopo le feste pasquali

  • Da lunedì Udine e il Friuli Venezia Giulia in zona arancione

  • Muore di embolia polmonare, era incinta di sette mesi: non ce l'ha fatta neanche il bimbo

  • Vaccino anti-covid: in Fvg al via le prenotazioni per gli over 60

  • Riabilitazione negata dopo l’incidente: la mamma ottiene un posto letto per il figlio con un appello su Facebook

Torna su
UdineToday è in caricamento