rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
UdineToday

Due Pro Loco friulane entrano nelle "Città del vino"

I presidenti Marino Zanchetta (Bertiolo) ed Emilio Bardus (Buttrio) hanno ricevuto la bandiera che rappresenta l'entrata nell'associazione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Si è tenuta a Sesto al Reghena, nell'auditorium Burovich, l'assemblea regionale del Coordinamento del Friuli Venezia Giulia delle Città del Vino. La scelta della città dell'Abbazia per l'importante riunione è nata dopo l'adesione di Sesto al Reghena all’Associazione, portando il numero delle aderenti sul territorio regionale a quota 32 soggetti (28 Comuni e 4 Pro Loco, per un totale di quasi 150 mila abitanti dei centri interessati). Nuovo associato anche il Comune di Mariano del Friuli e tra le Pro Loco quelle Buri di Buttrio, Mitreo di Duino Aurisina e Risorgive Medio Friuli di Bertiolo. I presidenti Marino Zanchetta (Bertiolo) ed Emilio Bardus (Buttrio) hanno ricevuto la bandiera che rappresenta l'entrata nell'associazione.

bandiera-2-3

Più di un abitante su 10 del Friuli Venezia Giulia risiede in una Città del Vino e da questo dato riparte l’attività dell’Associazione dopo un 2021 positivo, in cui sono stati realizzati diversi eventi enoturistici di richiamo nonostante la pandemia e un 2022 che si prospetta ancora più ricco, tra nuovi appuntamenti e un’attenzione sia alla sostenibilità che all’educazione, coinvolgendo le scuole, produttori vinicoli e consorzi Doc nei progetti. In più quest’anno il Comune di Duino Aurisina - Devin Nabrežina scelto come Città Italiana del Vino 2022, vera e propria "capitale" dell'enoturismo con una ricca serie di eventi che interesseranno non solo il centro giuliano ma anche il resto del territorio regionale nei prossimi mesi. Il sindaco Daniela Pallotta del Comune di Duino Aurisina - Devin Nabrežina scelto come Città Italiana del Vino 2022 ha dato, insieme all’assessore Massimo Romita presente anch'egli a Sesto, l’appuntamento alla primavera per l’avvio del programma tricolore. Come rimarcato nel suo saluto a inizio lavori dal sindaco di Sesto Marcello Del Zotto (presenti anche il vicesindaco Andrea Nonis e l'assessore al turismo Marco Luchin), con il centro abbaziale si completa la rappresentanza di tutte le zone Doc regionali all’interno delle Città del Vino (in dote Sesto porta quella finora mancante, la Lison Pramaggiore, insieme alle Grave). Il coordinatore regionale delle Città del Vino Tiziano Venturini (assessore alle attività produttive e turismo del Comune di Buttrio e membro della giunta nazionale dell'associazione) e il suo vice Maurizio D'Osualdo (vicesindaco di Corno di Rosazzo e membro del consiglio nazionale delle Città del Vino) hanno tratto un bilancio del 2021 che nell’ordine ha visto la promozione del progetto Wine me (Erasmus per giovani nelle cantine), il corso per Agro tech specialist ovvero il viticoltore del futuro con il Mits del Malignani, i ricchi calendari delle rassegne estive Calici di Stelle - Un calice a teatro - Festival Vini e Gusti in musica che hanno coinvolto oltre 200 cantine e la firma della convenzione con l’Università di Udine per il progetto di sostenibilità ambientale, economica e sociale che punterà al rispetto degli obiettivi dell’Agenda 2030. Per il 2022 previsto il potenziamento degli eventi estivi, il coinvolgimento di produttori e consorzi Doc nel progetto della sostenibilità, nuova cartellonistica nei Comuni aderenti e si lavorerà a un nuovo progetto di vendemmia turistica e alla candidatura per Gorizia - città europea della cultura 2025 insieme a Nova Gorica - affinchè ospiti nel 2024 insieme a Gradisca d’Isonzo il concorso enologico nazionale delle Città del Vino. Inoltre è stato anticipato che nelle prossime settimane aderirà il 29esimo Comune regionale, Pocenia. Presente nell'occasione anche il presidente nazionale uscente dell'associazione, Floriano Zambon, che a novembre ha passato il testimone ad Angelo Radica. Il presidente uscente (al quale sono stati donati vini della Cantina di Ramuscello di Sesto al Reghena e di Duino Aurisina per ringraziarlo), che ha presieduto l’assemblea, ha rimarcato il valore del Friuli Venezia Giulia durante il suo mandato e il nuovo presidente, in collegamento telefonico, ha confermato che la regione sarà uno degli elementi di punta del movimento italiano anche prossimamente. C’è stato anche il primo intervento del neo Ambasciatore delle Città del Vino Francesco Marangon, professore all'Università di Udine mentre il sindaco Daniela Pallotta del Comune di Duino Aurisina - Devin Nabrežina scelto come Città Italiana del Vino 2022 ha dato, insieme all’assessore Massimo Romita presente in sala, l’appuntamento alla primavera per l’avvio del programma tricolore. Il consigliere regionale Alfonso Singh, nel portare il saluto del presidente Fedrigra e dell’assessore Zannier, ha rimarcato la vicinanza della Regione all’associazione. È stata poi consegnata la bandiera delle Città del Vino non solo a Sesto al Reghena ma anche delle sopracitate Pro Loco con l’intervento presidente regionale del Comitato Pro Loco del Friuli Venezia Giulia Valter Pezzarini, che ha auspicato l’adesione di anche altre associazioni prossimamente. A ricevere la bandiera i presidenti della Pro Loco di Duino Aurisina Elisabetta Mereu, di Bertiolo Marino Zanchetta e di Buttrio Emilio Bardus. Presente anche Antonio Tesolin presidente della Pro Casarsa della Delizia, prima Pro Loco d’Italia ad aderire un decennio fa alle Città del Vino. Presenti in sala anche Josef Parente. Gran maestro Confraternita della Vite e del Vino FVG e Veneto Orientale di Sesto al Reghena, Gianluca Trevisan presidente della cooperativa Cantina di Ramuscello, Rodolfo Rizzi presidente Assoenologi FVG. I Comuni aderenti alle Città del Vino in regione sono 28: Aquileia, Bertiolo, Buttrio, Camino al Tagliamento, Capriva del Friuli, Casarsa della Delizia, Chiopris Viscone, Cividale del Friuli, Cormons, Corno di Rosazzo, Dolegna dl Collio, Duino Aurisina - Devin Nabrežina, Gorizia, Gradisca D’Isonzo, Latisana, Manzano, Mariano del Friuli, Moraro, Nimis, Palazzolo dello Stella, Povoletto, Premariacco, Prepotto, San Giorgio della Richinvelda, Sequals, Sesto al Reghena, Trivignano Udinese, Torreano. Aderiscono anche quattro Pro Loco: Casarsa della Delizia, Buri Buttrio, Mitreo Duino Aurisina e Risorgive Medio Friuli Bertiolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due Pro Loco friulane entrano nelle "Città del vino"

UdineToday è in caricamento