Dimissioni volontarie: come fare

Una breve guida per capire come poter dare le proprie dimissioni e i documenti necessari

@ Immagine tratta da studiolegaleacp.it

Ogni lavoratore può decidere di licenziarsi dal proprio posto di lavoro, sia per motivi personali, che per motivi lavorati, come l'aver trovato un'occupazione migliore o perché non ci si trova più bene nell'ambiente lavorativo attuale. Ma come si danno le dimissioni volontarie?

La trasmissione delle dimissioni

Per poter dare le proprie dimissioni, con l'introduzione del decreto legislativo 151/2015, da marzo 2016 non è più sufficiente che il lavoratore comunichi la propria decisione al datore di lavoro. La nuova normativa, infatti, prevede che le dimissioni, per essere considerate efficaci, devono essere complete di una nuova procedura telematica, introdotta dalla legge per tutelare il dipendente da eventuali costrizioni o forzature. Questa comunicazione deve avvenire via web attraverso la compilazione di appositi moduli, che si possono trovare sul sito del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali. Questi, poi, devono essere trasmessi al datore di lavoro e alla Direzione territoriale del lavoro competente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come fare

Per accedere alla procedura telematica bisogna collegarsi al portale www.cliclavoro.gov.it scegliendo due modalità: quella diretta o quella assistita. Ecco le differenze:

  • usando la procedura diretta, il lavoratore deve dotarsi del PIN dispositivo, rilasciato dall'INPS e che lo identifica nelle procedure di trasmissione telematica. Attraverso il PIN, il lavoratore potrà accedere in modo autonomo all'apposita sezione del portale, e potrà inoltre compilare i moduli previsti. Infine, potrà inviare i documenti.
  • con la procedura assistita, invece, il lavoratore può rivolgersi a degli intermediari individuati dalla norma del 2015, ossia l'Ispettorato territoriale del lavoro, le Commissioni di certificazione, i Consulenti del Lavoro, i patronati, le organizzazione sindacali e gli enti bilaterali. Questi, completeranno l'iter al posto del lavoratore, affiancandolo lungo il percorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Parcheggia davanti al suo locale per caricare la merce per le consegne ma viene multata

  • Fingono di pagare la piscina ma incassano davvero il resto, denunciate per truffa

Torna su
UdineToday è in caricamento