Venerdì, 18 Giugno 2021
Green

La sfida culturale del Friuli Venezia Giulia: adesso va di moda preoccuparsi dell'ambiente

L'assessore regionale Scoccimarro ha promosso l'iniziativa spontanea RipuliAMOci Challenge

Sempre più persone sono attente alle questioni ambientali, come se si trattasse ormai di una vera e propria rivoluzione culturale che coinvolge grandi e piccoli.

"Negli ultimi anni si è sviluppata una sorta di rivoluzione culturale rispetto al concetto di ambiente, che ha portato con se una crescita della sensibilità dei cittadini sui problemi più diretti attinenti all'ecologia. Ciò ha stimolato la nascita di iniziative civiche e di movimenti spontanei capaci di espandere esponenzialmente il messaggio importante della necessità di tutelare e valorizzare in modo sostenibile l'ambiente. L'iniziativa social 'ripuliAMOci challenge', visti i risultati ottenuti in un tempo breve, numeri alla mano, si colloca tra le più inclusive, propositive ed efficaci. Grazie a idee come quella di Valentina Martinis, ideatrice del progetto, la popolazione è sempre più attenta al rispetto dell'ambiente, al riciclo, al risparmio energetico, argomenti che sono ormai considerati pilastri della società, anche nel contesto del progresso e della innovazione". L'assessore regionale alla Difesa dell'ambiente, energia e sviluppo sostenibile, Fabio Scoccimarro, con queste parole ha rivolto il compiacimento della Regione alla fondatrice del movimento social 'ripuliAMOci challenge', ideato nel periodo del lockdown.

La sfida ambientalista nata sui social

RipuliAMOci Challenge

L'attività è sorta quando, nelle brevi passeggiate consentite, si è notata una grande quantità di lattine, confezioni di pacchetti di sigarette, mozziconi, carta e plastica abbandonati nei fossi anche a pochi metri dai cestini. L'ideatrice ha così deciso di attrezzarsi con sacchi e guanti, dotandosi poi anche di pinze adatte, e di raccogliere tutto questo materiale abbandonato, manifestando su Facebook il suo disappunto rispetto alla mancanza di senso civico in troppi cittadini, creando il gruppo 'ripiliAMOci challenge'. Il riscontro di questa sfida è stato immediato: il gruppo social conta ora 6 mila iscritti, i quali descrivono le situazioni riscontrate in vari punti della regione, nelle città come tra i boschi. L'iniziativa ha generato a cascata altre attività spontanee, alcune delle quali coordinate come quella svoltasi a Campoformido; in quella circostanza il vicesindaco, Christian Romanini ha organizzato la 1. Giornata ecologica per la raccolta dei rifiuti abbandonati nell'ambiente, alla quale hanno partecipato oltre duecento cittadini di ogni età. Come ha spiegato Valentina Martinis, 'ripuliAMOci challenge', sulla scorta dell'attenzione ottenuta sui social e ormai anche direttamente, si prefigge ora l'obiettivo di valorizzare le potenzialità educative che contiene l'iniziativa da lei promossa quasi per caso, nella consapevolezza che - attraverso la sensibilizzazione dei più giovani - passano lo sviluppo e la crescita della nostra società. "Se con aMare fvg' la Regione ha incentivato e coordinato la pulizia di spiagge e fondali del litorale - ha commentato Scoccimarro - intendiamo ora individuare una formula efficace da sviluppare nell'entroterra, affinché iniziative come quelle di Valentina Martinis ricevano il giusto supporto delle istituzioni e la collaborazione, comunque già attiva, dei gestori della raccolta dei rifiuti".

"Il tema della raccolta spontanea dei rifiuti - ha concluso l'assessore - è molto delicato perché spesso cittadini volenterosi rischiano di scontrarsi con il muro della burocrazia: per questo, assieme agli uffici, stiamo predisponendo una norma che sostenga iniziative lodevoli come questa e predisponga i confini entro i quali i volontari si possono muovere. Nel contempo intendiamo predisporre un capitolo destinato a sostenere economicamente le pulizie e lo smaltimento dei rifiuti abbandonati nei fossi e sul ciglio delle strade".  A chiusura dell'incontro, Scoccimarro ha donato alla Martinis le bottiglie in acciaio con il logo della campagna di sostenibilità ambientale della Regione 'ecoFVG'.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sfida culturale del Friuli Venezia Giulia: adesso va di moda preoccuparsi dell'ambiente

UdineToday è in caricamento