Cividale: al via i lavori per la ciclabile transfrontaliera

Saranno 136 i km coperti dal progetto Bimobis. Anche una APP di promozione turistica del territorio

Bimobis al via. Finanziato a valere sul Programma Italia-Slovenia 2007-2013 di cui il Comune di Tolmino è capofila e il Comune di Cividale del Friuli è uno dei partner, Bimobis è un anello ciclabile di circa 136 Km che si snoderà tra Italia e Slovenia all’interno di un contesto naturalistico, culturale e storico di indubbio fascino che permetterà, infatti, ai cicloturisti di ammirare paesaggi e luoghi di grande attrattiva. Il percorso, per la parte cividalese, è stato di recente appaltato e i lavori  inizieranno concretamente tra pochi giorni. “Il progetto per la mobilità ciclistica tra Italia e Slovenia – commenta il sindaco Stefano Balloch – rappresenta un nuovo e importante tassello che si aggiunge alla già collaudata collaborazione con le vicine amministrazioni slovene in un'ottica di cooperazione trasfrontaliera che assume significati e valenze sempre più importanti per lo sviluppo  sociale, turistico ed economico di un'area che, pur divisa da un confine, costituisce un patrimonio comune per le sue ricchezze storiche e naturalistiche e per le sue potenzialità”. 

L’anello, per lunghi tratti, correrà su sedime asfaltato su una viabilità in comune con altri mezzi, con presenza limitata di autoveicoli a motore; altri tratti saranno invece ricavati all'interno della campagna, su strade sterrate prettamente ad uso agricolo, lontano dal traffico veicolare a motore.

Il percorso cicloturistico si svilupperà da nord a sud del comune, collegando le due estremità più lontane del territorio quali S. Pietro al Natisone a nord e Corno di Rosazzo a sud.  Attraverserà il centro storico del capoluogo agganciandosi alle già esistenti piste ciclabili e sarà il primo tratto sul versante italiano dell'anello ciclabile che consentirà di raggiungere la Slovenia sia attraversando le Valli del Natisone nei Comuni di S. Pietro e Pulfero sia, dalla parte opposta, calcando il territorio di Corno di Rosazzo, per poi congiungersi oltre confine nel Comune di Tolmino. Lungo il percorso generale saranno ricavati posti di sosta e punti di osservazione panoramica attrezzati per accogliere i ciclisti. 

Il sindaco Balloch in merito al progetto si dice soddisfatto: “rappresenta per Cividale del Friuli una nuova importante sfida, una preziosa opportunità per lo sviluppo di forme di turismo “slow” e di sistemi di mobilità sostenibile in una città che è già una meta turistica di grande interesse, custode di un ricchissimo patrimonio storico, artistico e culturale.”  Il sindaco svela inoltre un’importante novità digitale: “L’anello ciclabile permetterà di toccare le aree più importanti della zona e di mettere a sistema tutta l’offerta turistica presente sul territorio, fungendo da volano per le attività economiche e commerciali: dalla ricettività alberghiera ed extra-alberghiera (agriturismi e B&B), al segmento dell’eno-gastronomia e dei servizi al cicloturista. L’offerta turistica completa verrà presentata all’interno di una APP appositamente studiata dal Consorzio Colli Orientali del Friuli e Ramandolo, partner di progetto responsabile delle attività di promozione per la parte italiana.” 

Ricordiamo che il progetto finanzia euro 300.000 per costruire la pista ciclabile a Cividale, 350.000 per continuare il percorso attraverso le Valli del Natisone e il territorio di Corno di Rosazzo, 100.000 euro per promuovere turisticamente l’anello ciclabile fra Friuli e Slovenia. Sostanzioso contributo anche per la parte slovena che potrà contare su un fondo complessivo di 800.000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • La "speranza per Maria" si è spenta in maniera tragica

  • Incidente mortale, grave una 25enne barista a Lignano

  • "4 Ristoranti", le prime indiscrezioni su quello che è piaciuto di più ad Alessandro Borghese

  • Si sente male mentre è al bar, malore fatale per un 59enne

  • Udine trasgressiva, le escort raccontano le abitudini dei friulani

Torna su
UdineToday è in caricamento